Zac Efron, alcol e droga: “Ho fatto tanti errori ma ho imparato da ognuno di questi”

Nato in California il 18 Ottobre 1987 San Luis Obispo, in seguito si trasferì insieme alla sua famiglia ad Arroyo Grande. Nonostante la sua famiglia sia ebraica, lui ha dichiarato di essere agnostico.
Suo padre, David Efron, è un ingegnere in un’industria energetica, mentre sua madre, Starla Baskett, in passato era una segretaria che lavorava nella stessa industria del padre di Efron. Ha anche un fratello, Dylan, di quattro anni più giovane.
Efron veniva descritto come un “bambino nella norma”, questo nella sua classe delle scuole medie, ma piuttosto bravo: infatti lui stesso ha dichiarato che se prendeva una ‘B’ e non una ‘A’ ne faceva una piccola tragedia. I suoi compagni di classe lo chiamavano “Hollywood”. Veniva anche considerato il “pagliaccio della classe”. Per questa sua inclinazione il padre di Zac lo incoraggiò a intraprendere la carriera di attore all’età di undici anni .
Sono passati poco piu’ di due anni da quando Zac Efron fu costretto a farsi ricoverare in una clinica privata di riabilitazione per riuscire a disintossicarsi dall’utilizzo di droghe che ne stavano minando gravemente la salute

Riportiamo qui le sue dichiarazioni che aveva deciso di raccontare in quel tragico periodo della sua vita, al The Hollywood Reporter, facendo luce in prima persona sulle sue tanto chiacchierate dipendenze.
“Non è mai una sola cosa specifica. Voglio dire, hai vent’anni, sei single, trascorri la vita a Hollywood, tutto ti viene buttato addosso, ma non rifarei nulla. Avevo bisogno di imparare tutto quello che stavo facendo. Ma è stato un viaggio interessante, a dir poco”
Il giovane attore ammette i propri passi falsi e la lezione imparata:
“Quando hai successo da giovane e si accettano le cose buone si deve accettare tutto questo. Devi assaporare i momenti di gloria ma anche una grande responsabilità. E la responsabilità, in un certo senso, comporta anche essere un modello. Allo stesso tempo sono un essere umano e ho fatto un sacco di errori. Ho imparato da ognuno di essi”
Gioie e dolori, il rovescio della medaglia della fama e del successo
“Non importa chi sei, devi affrontare le sfide che ti fanno crescere. Vai avanti con le tue cose, impari, è qualcosa che si deve fare. E’ impossibile condurre una vita onesta e appagante come un uomo e non fare errori ma è soprattutto umiliante quando avviene che siano così pubblici e scrutati”

Il giovane attore con il faccino da bravo ragazzo, la stella capace di far battere il cuore a milioni di ragazze adoranti, era caduto nel peggiore dei vizi: la droga, nello specifico cocaina.
Fonti vicine all’attore hanno dichiarato che Zac ha fatto uso di cocaina per oltre due anni e inoltre l’attore avrebbe anche fatto uso di Molly, una “pasticca” dal nome carino e rassicurante dietro al quale si nasconde una delle più terribili droghe da discoteca, un’ anfetamina purissima e molto pericolosa i cui effetti comprendono innalzamento della temperatura corporea, mal funzionamento di cuore e pressione ed è capace di uccidere anche chi la prende per la prima volta.
Zac Efron era dipendente di queste due sostanze e anche dell’alcol. Una situazione che lo stava portando a distruggersi, non solo dal punto di vista fisico, ma anche da quello professionale. Infatti negli ultimi due anni l’attore era diventato sempre più inaffidabile e incostante, cosa che lo aveva portato ad avere seri problemi sui set in cui stava lavorando. Così, a marzo, Zac stesso ha deciso che non poteva più andare avanti in questo modo e ha deciso di farsi ricoverare in una struttura specializzata nel trattamento delle dipendenze. Il tutto è avvenuto nel riserbo più assoluto, e infatti, all’epoca, non erano trapelate indiscrezioni di alcun tipo.
Dimesso dalla riabilitazione, Zac non è riuscito a resistere alla tentazione della cocaina e dell’alcol, quindi pochi mesi dopo, l’attore è tornato in riabilitazione per la seconda volta.

Zac per fortuna ne è uscito e appare in grande forma nelle sue successive apparizioni .
Ma e’ sempre abbastanza sconfortante vedere l’ iter comune a queste stelle ex-Disney che finiscono spesso in vicoli bui per poi almeno in questo caso riemergere .