Vittoria Belvedere: “Mio marito mi ha chiesto sette figli”

Per la prima volta in assoluto reciterà accanto a sua figlia Emma ed è al settimo cielo, perché finalmente riuscirà a portare in scena il ruolo dei suoi sogni. Vittoria Belvedere, che interpreterà il personaggio di Maria nel celebre musical Tutti insieme appassionatamente, in occasione della presentazione della stagione teatrale 2014/15 del Teatro Sistina di Roma, racconta a Donna al Top tutte le emozioni legate alla nuova sfida professionale, ma anche aneddoti legati alla sua famiglia che la segue dappertutto. Vittoria, la tua sarà un’estate di vacanza o di lavoro? «Assolutamente di spensieratezza. Spero di fare un bel viaggio assieme a tutta la mia famiglia, dopo questa annata così impegnativa e gratificante. Ci sarà un bel po’ di relax, ma anche tanto impegno, visto che dovrò preparare al meglio il personaggio di Maria e lo spettacolo, che andrà in scena nella prossima stagione Vittoria-Belvedere-Cteatrale». Conoscevi già Tutti insieme appassionatamente? «Sono cresciuta con il film interpretato da Julie Andrews, l’avrò visto non so quante volte. Si può immaginare, dunque, la mia reazione quando il regista Massimo Romeo Piparo me lo ha proposto. In pratica sono impazzita dalla gioia e adesso non vedo l’ora di cominciare. E spero con tutta me stessa che, ancora una volta, il pubblico ci premi». Con Luca Ward, con cui avevi già recitato nel musical My Fair Lady, come ti trovi? «Ormai siamo una coppia collaudatissima, tant’è vero che si tratta del nostro terzo anno assieme in scena. Con Luca si lavora splendidamente e tra noi si è instaurato un bellissimo equilibrio. Per intenderci, non c’è mai nessuno che tenta di primeggiare sull’altro, al contrario cerchiamo continuamente di venirci incontro. Inoltre, visto che lui ha già avuto modo di lavorare con i bambini e che in Tutti insieme appassionatamente divideremo la scena con sette di loro, mi ha spiegato quanto la spontaneità dei più piccini contribuisca a donare armonia all’intero spettacolo». Nella precedente versione del musical nel ruolo della protagonista c’era Michelle Hunziker… «In realtà non ho avuto modo di vederla…». I tuoi tre figli Lorenzo, Emma e Niccolò conoscono Tutti insieme appassionatamente? «Sì, lo conoscono perché hanno già visto il film. Tra l’altro mi sentono già canticchiare le nuove canzoni e approvano. Lo scorso anno, quasi ogni weekend, quando erano liberi dagli impegni scolastici venivano in teatro ad applaudirmi e per cantare assieme a me tutte le canzoncine di My Fair Lady. E sono sicura che anche quest’anno lo faranno. Anzi, con ogni probabilità, la femminuccia avrà un piccolo ruolo nel mio nuovo musical». Come mai questa scelta? «Così almeno potrò godermela il più possibile quando, per un mese e mezzo, saremo a Roma. Visto che il musical andrà in tour nelle principali città, è stato deciso che in ciascuna di esse cambierà il gruppo dei bambini in scena. Questo per non stravolgere loro la vita quotidiana E questo vale anche per Emma che, quando saremo a Roma, sarà in scena e potrà stare più tempo assieme a sua mamma, mentre poi, una volta conclusa quest’esperienza, tornerà alla vita di sempre». Il tuo sogno nel cassetto qual è? «Devo riconoscere che, in tutti questi anni, sono riuscita a conseguire numerosi traguardi: ho una meravigliosa famiglia e sono riuscita a portare in scena personaggi che mi hanno regalato straordinarie gratificazioni. Il bilancio temporaneo del mio percorso è sicuramente positivo. Per questo, spero semplicemente di continuare così». Ti piacerebbe fare cinema? «Sì, ma non chiedo nulla. Sono convinta che, prima o poi, arriverà. Per il momento, però, sto più che bene a teatro, dove, nonostante le tournée, riesco a conciliare al meglio la sfera professionale con quella privata». \ «E un po’ più permissivo» Passando alla vita privata: tuo marito Vasco Valerio ti dà una mano coi figli? «Moltissimo, special- mente quando sono in tour. Ogni occasione è buona per montare in macchina tutti assieme e raggiungermi. Io e lui amiamo la famiglia. Lui, poi, avrebbe voluto addirittura sette figli, proprio come in Tutti insieme appassionatamente ! ». Che genitori siete? «Io di solito ho il compito di richiamare tutti all’ordine, visto che mio marito è un po’ più permissivo. Da lui cercano di ottenere qualche sì in più per sfinimento, mentre sanno bene quanto io sia più “resistente”».