Vanessa Incontrada e Loretta Goggi raccontano in anteprima la fiction che vedremo a settembre su Raiuno

Cattura

home page Lei, Vanessa Incontrada, è Emma, una donna con tre figlie che cambia vita e scappa da Milano per rifugiarsi sull’isola di Ponza. L’altra, Loretta Goggi, è Elvira, una suocera «vecchio stampo» ma anche nonna innamorata delle nipoti, che la insegue e prova a riportarla a casa. Dietro la cinepresa un’altra donna, Cinzia TH Torrini, regista di grande sensibilità ed esperienza, capace di leggere come pochi altri le infinite sfumature dell’animo femminile. «Un’altra vita», la serie in sei puntate prodotta da Endemol Italia e Rai Fiction, in onda dall’11 settembre su Raiuno, è una storia di passione: una vera celebrazione della capacità delle donne di affrontare le avversità e ottenere la loro rivincita. Certo, ci sono anche gli uomini: Cesare Bocci è Pietro, il marito corrotto che finisce in carcere, e Daniele Liotti è Antonio, il bell’isolano che nasconde tanti segreti. Ma la storia e il racconto si concentrano sulle vicende di Emma, la protagonista, che si reinventa una nuova esistenza insieme con le tre figlie. Cercando di schivare la presenza ingombrante di una suocera dapprima snob e «velenosa», ma poi capace di rimettersi in gioco. «Emma è un personaggio che mi si addice» spiega la Incontrada.

http://wabihomes.com.au/application-college-essay-help/

http://www.aroundlife.net/help-on-college-application-essay/ help on college application essay «Vive due vite, in pratica. La prima a Milano, in una situazione agiata. Lavora come medico in un ospedale e suo marito, chirurgo, è il direttore sanitario. Lui viene arrestato per corruzione e lei, travolta dallo scandalo, per proteggere le figlie scappa lontano. Con le sue ragazze sbarca a Ponza, dove comincerà a lavorare nel presidio medico dell’isola. A questo punto inizia la sua nuova vita, tutta da inventare e da costruire. Anch’io in effetti sono andata via da una grande città come Barcellona e ora vivo in una piccola realtà come Follonica. È bellissimo, ma all’inizio ti devi abituare al fatto che “tutti sanno tutto di tutti”…»Oltre alle difficoltà iniziali di ambientamento c’è pure il rapporto con le tre figlie, due delle quali adolescenti. «Spesso sul set mi sono ritrovata a pensare al dispiacere e al dolore che devo aver dato a mia mamma quando ero adolescente. Non rispettavo gli orari e litigavamo se non mi faceva uscire: un confronto-scontro continuo. Come è difficile fare la mamma… mio figlio ha solo sei anni ma mi rendo conto che non c’è consiglio o esperienza che tenga: si impara sul campo, giorno per giorno». A Ponza Emma si rimbocca le maniche: «È una donna con mille sfaccettature. Proprio come tutte noi» prosegue la protagonista. «Ha una forza straordinaria ma anche una estrema dolcezza, è risoluta e tosta e ha momenti di sconforto in cui cerca solo protezione. Si relaziona con le figlie, con ognuna in modo diverso, con la suocera, con il marito, con l’amante, con la moglie dell’amante, con i colleghi di lavoro… insomma, è stato come recitare tanti ruoli in uno solo. E ogni volta con una sfumatura diversa. È stata un’esperienza incredibile».

http://www.costadelcilento.net/?construction-dissertation-examples

high school admission essay help CatturaA proposito della suocera, un giorno a sorpresa la bella e ricca signora Elvira sbarca sull’isola di Ponza con un elegante cappello, preziosi gioielli e il suo enorme carico di valigie firmate. «Elvira racchiude in sé tre aspetti» spiega Loretta Goggi che la interpreta. «È una donna sola (nella storia non si specifica se sia vedova o separata), determinata e ambiziosa per quello che riguarda la carriera del figlio. È poi una nonna tenera con le sue adorate nipoti, per le quali prepara le imbattibili “polpette di nonna Elvira”. Però è anche una suocera. Che in fondo stima sua nuora Emma, ne ammira la forza e la voglia di ricominciare, ma cerca di convincerla a tornare indietro, a tenere unita la famiglia nonostante tutto. E non le risparmia taglienti frecciatine». Loretta torna sul set di una serie televisiva dopo tanti anni: dal 1997 al 1999 fece «Due per tre» con Johnny Dorelli. «La sensazione è stata quella di tornare in una casa con la quale hai dimestichezza fino a un certo punto. Non ero una sprovveduta, certo, ma l’espressività va calibrata per la tv. Abituata al teatro, dove l’espressione della faccia deve arrivare fino allo spettatore dell’ultima fila, qui dovevo trattenermi: con i primi piani si vede tutto». La storia della fiction è in fondo quella di una rinascita e Loretta è molto sensibile a questo tema. «Quello che si racconta è che ogni donna possiede dentro di sé una grande forza interiore che le consente di ricominciare. Io ne sono testimone».

http://mrmulchmrtopsoil.com/?p=defense-dissertation-powerpoint

write descriptive essay my favorite place Amore, dunque, e poi rapporti madre-figlia, problemi e soddisfazioni legate al lavoro, la difficile integrazione con la popolazione di un’isola che all’inizio accoglie le nuove arrivate con freddezza e diffidenza. E c’è pure un pizzico di «mistery»… Ma nella serie si parla anche di attualità, con i riferimenti alle vicende del marito di Emma, Pietro, che finisce in carcere per corruzione, tangenti, operazioni eseguite solo a scopo di lucro. «Ma pur trattando di temi importanti, il tono si mantiene leggero: nessuna pesantezza» assicura la Goggi. Sul set, il clima era estremamente sereno. «Ci siamo tutti innamorati di Loretta» racconta Vanessa. «Nelle scene dovevo a volte risponderle male. Allora mi fermavo e le dicevo: “Non ce la faccio a trattarti così…”. Finivo per dire la battuta con il magone. Figuriamoci, ogni volta che la vedo mi viene voglia di abbracciarla e riempirla di baci!». Un affetto generale che ha contagiato l’intero cast: «Non era facile né scontato» conclude Vanessa «ma si è creata una complicità straordinaria tra tutte le donne della troupe e questo ha dato alle riprese una forza unica, che sono sicura passerà attraverso lo schermo e arriverà ai telespettatori».

http://farmorsminde.dk/?q=don\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\'t-buy-generic-cialis

1 Comment

  1. view Le protagoniste Goggi ed Incontrada sono bravissime e navigate attrici;la Goggi poi,splendida donna, riesce sempre a creare attorno a se un” atmosfera serena facendosi amare da tutti. Pertanto ritengo che la fiction sarà apprezzabile e piacevole.La professionalità ed il garbato modo di porgersi pagano sempre!