Uomini e Donne, Tina Cipollari: “E’ vero mi sono distaccata da chicco anche nell’intimità”

Ammette di aver trascurato a lungo suo marito, Chicco Nalli, Tina Cipollari. Ma l’opinionista storica di Uomini e donne è riuscita a superare il delicato problema delPassenza di intimità. Come? Lo racconta a Top. «Con loro sono una bambina» Sei tornata in tv con Uomini e donne, dove hai esordito come opinionista nel 2002, Dopo tutti questi anni, non ti piacerebbe misurarti con nuove sfide professionali? «A Uomini e donne ho trovato la mia seconda famiglia. se arrivasse una proposta alIettante la valuterei, ma solo a patto di poter continuare a partecipare al programma, a cui non voglio rinunciare». Passando alla sfera privata, che mamma sei coi tuoi tre figli: Mattias, di 10 anni, Francesco, di 6, e Gianluca, di 5? «Quando erano più piccoli ero molto apprensiva, avevo paura di qualsiasi cosa, ora non più. Però resto una mamma chioccia, di quelle che amano essere presenti in ogni momento. Certo, visti i miei impegni professionali, conto sulFaiuto di una domestica, Non è fondamentale la quantità di tempo che un genitore trascorre con i propri figli, ma la qualità. E io con i miei sono molto giocherellona. Quando sono con loro mi trasformo in una bambina». Quali valori insegni ai tuoi figli? «In primis il rispetto per il prossimo. In passato li ho viziati, ma ora non lo faccio più. Cerco di educarli in modo tale che possano trovarsi sempre bene, con se stessi e con gli altri. Sono molto sensibili e anche altruisti e disponibili con i compagni di scuola e di giochi: questo mi riempie di gioia. Spero che rimangano sempre così». Con tre figli come cambia il rapporto di coppia? «Si fanno molte rinunce. Nel mio caso, poi, per anni ho completamente dimenticato cosa volesse dire avere una vita di coppia. Ho trascurato molto mio marito. Ero stata del tutto assorbita dai nostri tre figli, come se fossi vittima di un sortilegio di cui non avevo coscienza. Certo, non per tutte le donne è così, alcune “se ne fregano”. Io mi ero legata in maniera morbosa ai miei figli e ammetto di essermi distaccata da mio marito, anche per quanto riguarda il rapporto intimo. Dopo una giornata con loro non avevo voglia di fare niente, neanche di uscire. E questo ha provocato dei problemi. Anche se Chicco | ha capito che il motivo erano solo i figli, il nostro matrimo- | nio ne ha risentito». E poi? «I figli sono cresciuti e visto che io ho la fortuna di avere accanto una persona intelligente, ho visto che non era accaduto nulla di insuperabile. E sono corsa ai ripari». A te e a Chicco piacerebbe un quarto bebé? «Vorremmo adottare una bambina. Non ce la faccio ad affrontare un’altra gravidanza, a livello fisico. L’ultima è stata un po’ a rischio. Avrei paura per me: mi sento una ventenne, ma in realtà non ho più trent’anni. Però una femminuccia la desidero». I tuoi figli lo sanno? «Sì, ho spiegato loro che la sorellina non nascerà dalla mia pancia, ma avrà bisogno delle nostre cure e premure. Ancora non comprendono bene, ma la loro reazione è stata positiva. Ogni volta che gliene parlo, mi sorridono. Io e Chicco sappiamo che l’adozione è un impegno e presuppone un lungo percorso prima che vada in porto. Ma ci piacerebbe tanto».