Unipol verso l’uscita da Mediobanca entro fine anno

http://devco6ix.com/?q=roosevelt-university-admission-essay By on 27 agosto 2013

source link Pochi mesi per trasformare il principale centro di potere economico-finanziario italiano in una banca capace di stare sul mercato con le proprie gambe, con una proiezione internazionale che riduca la dipendenza dal mercato interno. Mediobanca è al centro di una profonda trasformazione, che passa in primo luogo per una ridefinizione del quadro dei grandi soci. La prima a sfilarsi sarà Unipol, chiamata dall’Antitrust a dismettere la propria quota (il 3,8% del capitale) entro fine anno per garantire il superamento dei legami azionari di bancassicurazione. A controllare Piazzetta Cuccia è un patto di sindacato che ha in mano il 42% del capitale ed è diviso in tre gruppi: i soci finanziari, quelli industriali e gli stranieri. In caso di rinuncia di un socio, scatta il diritto di prelazione della quota per gli altri appartenenti al gruppo. La quota di Unipol fa parte del secondo gruppo,maè difficile ipotizzare un interesse a crescere da parte degli altri “condomini”, come Italmobiliare, Generali e Pirelli, in questo momento tutti interessati a concentrarsi sui rispettivi core business. La soluzione più probabile al momento è che la quota finisca direttamente sul mercato, dando così seguito all’auspicio espresso a più riprese nelle scorse settimane dall’amministratore delegato di Mediobanca, Alberto Nagel, che punta ad alleggerire il peso del patto, a favore di un aumento del flottante. Un obiettivo che potrebbe essere centrato a breve considerato che anche la quota del finanziere Romain Zaleski (1,2%) è vista in uscita, mentre anche tra i soci bancari non si nasconde l’interesse a scendere in caso di convenienza dei prezzi. L’apertura al mercato segna l’avvio di una nuova stagione per l’istituto fondato nel 1946 da Enrico Cuccia con l’obiettivo di finanziare la ricostruzione dell’industria attraverso capitali privati. Mediobanca condivide la sfida della crescita con i suoi principali clienti, acquisendo quote societarie di alcune tra le principali aziende italiane. Di recente anche il Financial Times ha dedicato in primapaginaunampio servizio al capitalismo italiano e ai cambiamenti che sta attraversando il cosiddetto salotto buono del Belpaese con la fine delle partecipazioni incrociate. Con la crisi questo modus operandi («un sistemafondato sul potere e sulle conoscenze») sta volgendo al termine, ha scritto il Financial Times, sottolineando che «sotto la pressione degli investitori, Generali e Mediobanca, hanno promesso di sciogliere la matassa delle partecipazioni incrociate» e ricordando come la recessione abbia mostrato tutti i limiti del capitalismo made in Italy. Nagel vuole tornare al ruolo originario di supporto alle grandi imprese, anche internazionali. Di pari passo è prevista una drastica riduzione delle partecipazioni azionarie accumulate nel tempo: una scelta coraggiosa, che si porterà dietro sicuramente ricadute a cascata, considerando il peso che ricoprono nell’economia italiana realtà come Telco, Rcs, Pirelli e Unicredit.

http://23m-experts.com/?p=history-homework-help-greece