Suor Cristina: La Monaca Rock di The Voice

E una voce divina. Non a caso, le sono bastati pochi minuti sul palco di The Voice ofltaly per diventare la suora vivente più popolare del mondo. Stiamo parlando di Cristina Scuccia, la “monaca rock” del talent di Raidue. Durante l’audizione al buio, in cui i giudici ascoltano il concorrente girati di spalle, la religiosa siciliana ha colpito per la sua energia. Quando poi i coach hanno deciso di girarsi per dare un volto a quella voce, lo shock è stato immediato. Raffaella Carrà è rim asta a bocca aperta per qualche secondo prima di riprendere il controllo. Il rapper J-Ax, invece, è riuscito ad accaparrarsela per la sua squadra provocando l’invidia della Rafia nazionale, di Piero Pelù e di Noemi, gli altri giudici di The Voice o f Italy. La suora canterina ha ottenuto un successo planetario invadendo siti, social network e le prime pagine dei giornali online, da The Guardian a People, da Le Figaro a Libération, dall’Hollywood Reporter aWHuffington Post US. Whoopi Goldberg, l’attrice protagonista del film Sister Act, le ha reso omaggio su Twitter. E Alicia Keys, pop star e interprete del brano No One, scelto dalla suora per l’esibizione, ha esaltato la sua performance: «Bellezza ed energia pura. Continua a cantare, sister Cristina! ». A chi si meraviglia per la sua partecipazione al talent, lei risponde che la decisione «deriva soprattutto dall’invito di papa Francesco a uscire, aprirsi e andare nelle periferie a portare la propria testimonianza. Io porto agli altri questo mio talento, lo dono», ha detto a L ’Arena di Massimo Giletti. Essere al centro del mondo dello spettacolo è sempre stato nei desideri della ragazza, un sogno accarezzato ben prima che ricevesse la chiamata alla vita religiosa. Dopo il diploma in ragioneria, Cristina si iscrive all’università e, per racimolare qualche soldo, lavora in un cali center. È anche fidanzata con Lucio ma non è soddisfatta della sua esistenza. È mamma Lina che determina il grande cambiamento nella vita della figlia: «Un giorno mia madre ha ascoltato la testimonianza di conversione dell’attrice Claudia Koll, che nel frattempo cercava una protagonista per il musical sulla fondatrice delle Orsoline della Sacra Famiglia», ha ricordato la giovane religiosa. Ed è stato proprio interpretando il ruolo principale ne lì coraggio di amare che Cristina comincia a capire di voler appartenere al Signore. Indossando i panni di suor Rosa Roccuzzo, apre il cuore all’idea di consacrare la sua vita a Dio e, nel giro di qualche mese, decide di diventare una Orsolina della Sacra Famiglia. Nonostante le perplessità degli amici e dei colleghi, la giovane va dritta per la sua strada. La sua fede è irremovibile: dopo un anno e mezzo di postulandato a Roma, nel luglio 2010 va per due anni in Brasile per il noviziato e nel 2012 prende i primi voti. Voti di povertà, castità e obbedienza che, secondo il magazine Credere, che ha raccolto una sua intervista nell’estate 2013, avrebbe rinnovato ad Assisi il 29 luglio scorso. Un percorso fatto con il sorriso e con una scoppiettante gioia di vivere: approccio che dovrebbe piacere molto a papa Francesco.