Sessantacinquesimo compleanno per Snoopy e i Peanuts

snoopy

Sessantacinque anni orsono, e più precisamente il 2 ottobre del 1950, nasceva la striscia scritta e illustrata di Charles Monore Schultz che, sebbene così possa sembrare estranea ai più, farà tornare ataviche memorie se ricordata con il nome di Snoopy e Charlie Brown. Il fumetto americano con i Peanuts fu pubblicato per ben cinquant’anni fino al 13 febbraio 2000, ovvero il giorno successivo la morte di Schultz.

La prima uscita di Snoopy avvenne su ben sette quotidiani a stelle e strisce contemporaneamente. Si tratta del Seattle Times, del Denver Post, del Washington Post, del Chicago Tribune, del Bethlehem Globe-Times e dell’Allentown Call-Chronicle. Il suo successo però non ebbe vita solo a i suoi esordi poiché nell’arco di cinquant’anni in cui l’autore disegnò i caratteri del cagnolino e dei suoi amici umani, questi trovarono pubblicazione su oltre 2600 giornali, in settantacinque Paesi del mondo e in ben 21 lingue. In cinquant’anni di Snoopy, Schultz raccolse la bella cifra di 355 milioni di lettori guadagnandosi così il titolo di autore del fumetto di maggior successo tra il 1965 e il 1980. Chi sono i Peanuts?

La gang di personaggi può essere suddivisa in tre differenti generazioni. Così, se da una parte c’è Charlie Brown e i suoi amici Lucy, Shermy, Violet e Schroeder, ovvero bimbi di terza elementare, dall’altro ci sono i loro fratellini, ovvero Linus, Sally, Eudora e Frieda. Linus e Lucy poi hanno ancora un fratellino più piccolo che col nome di replica apparve per la prima volta da neonato per raggiungere col tempo l’età della scuola. L’ultima striscia fu disegnata il 3 gennaio del 2000 ma venne pubblicata più di un mese dopo.