Scandalo Hollande: Come si conquista un presidente

Francois-Hollande1

Macche un anno, almeno due. Più passano i giorni, più la data d’inizio della .relazione tra il presidente francese François Hollande e l’attrice Julie Cayet si allontana. In mezzo, per la coppia clandestina ci sarebbero stati crisi e rappacificazioni, weekend in Provenza, passeggiate alla luce del sole,numerosi appuntamenti in vari appartamenti e pure una capatina a Cadreik. dove i genitori di Julie possiedono un castello e sarebbe avvenuta la presentazione a tutto il parentando. Ecco, le rispettive famiglie nella relazione tra Hollande e la Gayet hanno avuto un ruolo determinante. Pare che sia stato Thomas, figlio di lui e di Ségolène Royal, nonché fidanzato di un’amica di Julie, la cantante Joyce Jonathan, a presentarli ufficialmente, a una convention politica, nell’ottobre del 20] 1. Non è dato sapere se sia stato colpo di fulmine reciproco. certo è che da quel momento Julie non si è più persa un meeting di Hollande. E lui non si è sottratto quando lei l’ha invitalo a conoscere ì suoi amici attori e registi, mostrandosi estremamente interessato. Nel videoclip ir» cui la Gayet parla di Hollande, quello girato per la sua campagna presidenziale, è lei stessa a raccontare di quelle lunghe chiacchierate sul mondo del cinema. Con un entusiasmo che trascina. Ma basta cercare una qualsiasi altra intervista di Julie su YouTube per capire che cosa delfattrice, oltre allividente e fresca bellezza» ha conquistato it presidente; solare, maliziosa, disinvolta. «Funziono a istinto, a seconda delle sensazioni », ha detto di sé. E nel sito della sua casa di produzione, Rouge International, per definirsi ha usato le parole di un giornalista su di lei: «Un’entusiasta. Passeresti ore ad ascoltarla parlare di sport, pittura, politica. È concreta, non si nasconde dietro sogni inacessibili. Coltiva poco l’arte di mettersi in prima, linea, ma la sua curiosità parla per lei». Ora in prima linea ci è finita e neanche tanto a sua insaputa. Ma Hollande, in questi giorni, avrebbe detto: «Non voglio più Première dame all’Eliseo»… Avrà parlati) alla compagna, perché l’amante intendesse o viceversa? Per Fattuale Première dame Valérie Trierweiler, che ora si sta riprendendo dalla scoperta del tradimento nella residenza della Lanterne (dicono per tenere un piede dentro l’Eliseo), sarà stata l’ennesima botta in testa. Per Julie, invece, potrebbe essere stata una buona notizia. Infondo, la prospettiva di dover abbandonare la propria camera professionale, e la sua vita uonnale tra set, casa (un loft nelFest parigino), figli (due, quasi adolescenti) e giri in bicicletta, in cambio di tre anni da First Lady potrebbe non essere in cima ai suoi desideri. La stessa Trierweiler, ex firma di punta di Paris Match, una volta all’Eliseo ha dovuto ridurre la sua attività giornalistica a una rubrica di recensioni Le renard de Valérie Trierweiler. E la precedente inquilina. Carla Bruni, moglie di Nicolas Sarkozy, pare che abbia molto sofferlo in quei 5 anni, proprio per l’impossibilità di fare il suo mestiere, cantare. Figuriamoci che cosa vorrebbe dire per la Gayet, una che sognava di recitare sin da bambina (pare che il papà, medico come quello di Hollande, la facesse esibire di fronte ai pazienti in attesa della visita), Una che sul set non si è mai risparmiata: ha fatto la prostituta {Seìeci Hotel), la lesbica {Pourquoi pcis moi?), la sieropositiva (Clara et moi) e non si è mai tirata indietro di fronte a copioni che prevedessero scene di nudo anche integrale. Visto il nudo, adesso la curiosità sulle sue doti recitative è venuta un po’ a tutti. E saranno contenti in Rai di averci già pensato: a primavera inoltrata (dicono) dovrebbe andare in onda la serie Odysseus, dove recitano Caterina Murino, Alessio Boni e Julie, nei panni di Elena di Troia (niente battute, s’il vous plait)