Roberta Morise: “Carlo Conti è stato importante, ma adesso abbiamo girato pagina entrambe”

roberta_morise_1269773705

Sta per diventare papà il suo ex compagno Carlo Conti e in molti l’hanno inseguita per raccogliere le sue emozioni. Roberta Morise, però, ha scelto Vero per rivolgere, in esclusiva, uno speciale augurio al suo ex fidanzato, oggi felicemente sposato con Francesca Vaccaro. D’altra parte, anche la bellissima Roberta, che non ha alcuna ruggine nei confronti del conduttore di Raiuno e che conserva un ottimo ricordo degli anni trascorsi al suo fianco, ha voltato pagina e oggi si gode l’amore del tennista Potito Starace, oltre che un ritorno in Tv che già si è trasformato in successo. Ha infatti l’eleganza di una fuoriserie, la vivacità di un bolide da corsa e la bellezza di un’intramontabile auto d’epoca, Roberta, che, al timone di Easy Driver, ogni sabato pomeriggio alle 14 su Raiuno, si diverte a viaggiare in lungo e in largo per l’Italia. E così è diventata | un’automobilista-modello, tanto che oggi l’acceleratore lo spinge 1 con decisione solo… in amore! «È stata una storia importante» Nonostante sia passato del tempo dalla fine della vostra storia, spesso si continua a identificarti come la ex di Carlo Conti. Che effetto ti fa? «Non è bellissimo, né piacevole per chi è ora al nostro fianco, ma lo capisco. A me non dà fastidio, perché quella è stata una storia importante. Fosse stata una persona non nota, nessuno lo scriverebbe ancora, ma trattandosi di lui è normale». Che cosa hai provato quando hai saputo che Carlo diventerà papà? «Non ho detto nulla finora in proposito per rispetto suo e di sua moglie. I nostri rapporti, però, sono serenissimi. Carlo ha rappresentato un capitolo importante della mia vita, ma entrambi abbiamo voltato pagina da tempo. Sarà un ottimo padre e non posso che fargli i miei migliori auguri. Un figlio è il coronamento di un amore e sono felicissima per lui e sua moglie Francesca che si apprestano a vivere questa immensa gioia. Carlo mi ha insegnato tanto, e non solo dal punto di vista proli fessionale, e sono entusiasta per questo traguardo così importani te che sta per tagliare». «Sono entusiasta e piena di stimoli» Per molto tempo hai lavorato anche al suo fianco. Oggi, invece, quali soddisfazioni ti sta regalando Easy Driver, il programma che segna il tuo ritorno in Tv, nonché il tuo debutto assoluto nelle vesti di conduttrice? «Sono entusiasta e felicissima per questa bella occasione. Ho la fortuna di collaborare con un gruppo di lavoro composto da grandi professionisti e tra noi c’è un clima all’insegna di complicità, allegria e profonda stima. In primis, con Veronica Gatto che è una meravigliosa compagna d’avventura. Il programma sta andando alla grande e questi risultati ci stimolano a fare sempre meglio». «Dimostrerò che ce la posso fare» Che cosa ti ha spinto ad accettare la conduzione di questa trasmissione? «Dal punto di vista professionale mi reputo molto fortunata, visto che per otto anni ho lavorato praticamente senza sosta. Poi lo scorso anno ho studiato recitazione e dizione e ora tornare in Tv mi riempie il cuore di gioia. Sto affrontando questa avventura con l’obiettivo di dimostrare a tutti che ce la posso fare». Come hai vissuto quell’anno sabbatico? «È stato un anno comunque ricco di impegni. Studio a parte, ho lavorato molto nel settore della pubblicità, sono testimonial di quattro marchi prestigiosi, tra cui la casa di moda Musani e del maestro orafo Giovan Battista Spadafora. Ho condotto molte manifestazioni in giro per l’Italia. Ho la fortuna di avere al mio fianco l’avvocato Cataldo Calabretta, un esperto del mondo della comunicazione, con il quale ho un grande rapporto d’amicizia e che cura i miei interessi e la mia immagine. Cataldo si è speso molto per me e, in un mondo complicato come quello della televisione, rappresenta la mia bussola». Qual è il tuo rapporto con i motori? «Adoro le auto e questa è una trasmissione a cui sono particolarmente legata visto che la vedevo sempre con mio padre. Però, per la disperazione di mia madre, devo ammettere di essere un’automobilista un po’ indisciplinata, una di quelle che prende spesso e volentieri le multe!». «Da piccola ero un vero maschiaccio!» Già da bambina avevi grande passione per le auto? «Da piccola ero meno irrequieta, a differenza di mia sorella che, invece, era un vero terremoto. Vivevo in un mondo tutto mio e fino alla terza media trascorrevo i pomeriggi nella mia cameretta a giocare con le bambole. Dopo, però, è arrivata la fase in cui mi sono trasformata in un maschiaccio e, a testimonianza di quel periodo, ho ancora varie cicatrici sul corpo». Che rapporto hai oggi con tua madre? «Meraviglioso, anche se spesso un po’ conflittuale proprio perché siamo identiche dal punto di vista caratteriale. Ci sentiamo al telefono un’infinità di volte durante la giornata, tanto che spesso le mie amiche mi prendono in giro. Oltre a lei ho una sorella di quattro anni più grande di me, si chiama Mariana e due anni fa è diventata mamma di Giovanni, un bambino splendido. Papà, purtroppo, non c’è più ed è scomparso quando avevo 18 anni, un mese dopo aver partecipato a Miss Italia». Che ricordi conservi di lui? «Papà era una persona straordinaria, un angelo, e forse proprio per il suo essere così speciale qualcuno Pha voluto Lassù troppo presto. È scomparso in modo assurdo, cadendo dalla bicicletta». Come hai vissuto quella grave perdita? «Sono passati nove anni e il tempo aiuta a convivere con questo dolore che però non passerà mai. La sua mancanza continua a farsi sentire tanto. È una ferita impossibile da guarire». «“Poto” mi ha aperto gli occhi» Passando al fronte sentimentale, questo per te è un periodo di grande serenità. Merito del tuo nuovo compagno, il tennista Potito Starace… «Ero single da un anno e questo nuovo amore è arrivato quando davvero non ci pensavo. Era il giorno del mio compleanno e mai avrei immaginato quello che poi sarebbe successo. Inizialmente lo consideravo un amico, ma poi4‘Poto” è riuscito a fami aprire gli occhi sulla reale natura dei miei sentimenti». Quale “colpo” ha assestato per far breccia nel tuo cuore? «È un uomo molto intelligente e ha saputo tenermi testa. In amore io sono davvero insopportabile, soprattutto quando vengo corteggiata. Mi faccio viziare, coccolare e rifilo pure qualche due di picche! Però ho trovato un uomo dalla grande personalità che a quel punto ha deciso di sparire. E sono stata io, allora, ad andarlo a riprendere». È proprio vero, allora, che in amor vince chi fugge… «Beh, quello è stato il suo dritto vincente! E ha vinto la sua sfida. Stiamo davvero bene insieme anche perché lui rispetta i miei spazi, la mia libertà e io faccio altrettanto. Alla base di un rapporto sano ci sono fiducia e rispetto, Non bisogna mai privare il partner della propria liber né tentare di snaturarlo».