Rita Dalla Chiesa: “Fabrizio Frizzi mi ha invitata alle sue nozze, ma io non ci andrò”

Guarda avanti, Rita Dalla Chiesa, e cerca di ricominciare. La giornalista e conduttrice televisiva si lascia alle spalle un periodo particolarmente burrascoso sotto il profilo professionale. Le è successo di tutto: dall’addio a Mediaset, dopo venticinque anni di conduzione di Forum, al passaggio e poi alla separazione da La7. «Sono situazioni che mi hanno segnato, ma io procedo anche perché non posso dare la colpa a nessuno: ho deciso e fatto tutto io», spiega a Nuovo. Anche dal punto di vista dei sentimenti, Rita non vive un momento sereno. Continua tra alti e bassi la sua relazione con Akis Panakis, l’architetto greco cui è legata da circa tredici anni. Nonostante ciò, lei continua a rimpiangere l’ex marito Fabrizio Frizzi, con il quale è stata sposata dal 1992 al 2002. E il fatto che il 4 ottobre il presentatore romano dica “Sì” per la seconda volta a Carlotta Mantovan – la giovane donna che lo ha reso padre della piccola Stella – la agita parecchio. Tanto che confessa: «Anche se sono stata invitata, non andrò al suo matrimonio».

Rita, tra te e Frizzi ora c’è un bel rapporto d’amicizia. Perché non vuoi condividere con lui le emozioni di quel giorno così importante? «Non andrò alla cerimonia perché mi sembrerebbe poco carino nei confronti di Carlotta e probabilmente metterei in imbarazzo anche Fabrizio. Tutti mi chiedono delle nozze del mio ex: be’, non posso dire che mi lascino indifferente. Il matrimonio è una cosa molto importante e so anche quanto lui ami Stella, la sua bambina. Di sicuro, il giorno in cui si sposerà, io penserò anche a quando lo abbiamo fatto noi, ma con tenerezza. A me interessa che tutti e due siamo riusciti a non buttare via i momenti belli ed è giusto che la sua nuova vita nasca sotto i migliori auspici». Non pensi che Fabrizio ci rimanga male? Tra voi, dopo tanti anni, l’imbarazzo dovrebbe essere superato… «Ci andrà mia figlia Giulia, che Fabrizio ha visto crescere, per cui è un po’ come se ci andassi io. Sono felice per lui, anche perché è la persona con cui ho vissuto la pagina più bella della mia vita. Dicendo questo, spero però di non metterlo in imbarazzo…». Hai conosciuto la bimba di Fabrizio e Carlotta? «Stella è una creatura bellissima, che somiglia molto a Fabrizio. Ha gli occhi azzurri del nonno paterno ed è una bambina solare e “caciarona”, proprio come il papà». Se non avessi trovato un nuovo amore, oggi saresti u- gualmente serena nei riguardi di Fabrizio? «Anche se oggi fossi sola, sarei felice lo stesso per quello che lui sta vivendo». La relazione con Akis Panakis come procede? «Sono serena perché è una rita-dalla-chiesa1storia stabile. Non so se definirla amore, affetto o compagnia. Credo, però, che una donna abbia sempre bisogno di una grande passione».

Hai detto che la pagina più bella della tua vita è quella segnata dalla storia d’amore con Fabrizio Frizzi. Qual è, invece, il tuo più grande rimpianto? «E vero, l’ho detto. Ma anche quella che sto vivendo in questo momento non è da meno! Certo, rimpiango di aver dovuto lasciar andare un amore che per me era importantissimo. Non sono, però, una donna che vive di rimpianti e basta. Semmai ho grandi malinconie, che sono anche il frutto della vita che sono stata costretta a vivere. Spesso penso al fatto di non avere radici solide. Ho vissuto in diverse città e non so quale sia la vera terra d’origine della mia esistenza. Forse è per questo che ho la sensazione di essere sempre una nomade…». Parliamo di lavoro e di televisione. Dopo un periodo complicato, sei in attesa di una ricollocazione sul piccolo schermo. Come ti senti? «Non mi sento in panchina. Piuttosto mi sembra di essere una persona che sta vivendo una vicenda assurda. In realtà, non posso prendermela con nessuno perché ho scelto io di andarmene prima da Mediaset e poi da La7. È vero, probabilmente ho preso decisioni affrettate, ma alla fine tutto è dipeso da me. Però, ripeto, non mi sento in panchina perché non sono una perdente, ma una guerriera». Sei stata la padrona di casa di Forum per tanti anni. Che effetto ti fa vederlo condurre da un’altra? «Non guardo Forum di solito: ho seguito solo la trasmissione che ne ha celebrato i trent’anni. E poi è difficile che la mattina accenda la Tv. In o- gni caso non lo vedrei perché è una mia creatura e francamente non mi va. E come un figlio e mi darebbe fastidio vederlo “vestito” da un’altra». Hai approfittato di questo periodo di lontananza dalla Tv per stare di più con la tua famiglia? «Mia figlia Giulia si lamenta e dice che quest’anno mi ha visto poco sia come mamma sia come nonna di suo figlio Lorenzo. Questo bambino è la mia vita, ma io non sono solo una nonna. Sono una donna, prima di tutto, e ho la mia vita e i miei spazi da gestire».