Raoul Bova e Chiara Giordano: Verità e bugie sulla crisi

raul-bova_650x435

Per la coppia modello dello spettacolo italiano si parla sempre più di addio ufficiale, ma entrambi sono pronti a fare di tutto per salvare il matrimonio. Le voci di una rottura fra l’attore e la moglie, dopo 13 anni, sono sempre più insistenti e lei dice: «I bambini devono restare fuori da tutto». Intanto sul web rimbalzano anche le voci più incredibili e prive di ogni fondamento.

Sono sempre più insistenti le voci di un addio imminente fra Raoul Bova e la moglie Chiara Giordano. Dopo tredici anni d’amore e due figli (Alessandro Leon, 13 anni, e Francesco, 11), i due sono sempre stati considerati il prototipo della famiglia felice nel mondo dello spettacolo: belli, affiatati, uniti e riservati. Ma ora la mancanza di secche smentite alimenta l’ipotesi di una crisi profonda di cui si è iniziato a parlare quest’estate quando lei è stata sorpresa sola con le amiche alle Baleaeri e lui a Sabaudia, con i bambini. «Non amiamo interviste che parlino di noi, specialmente in questo momento». «I bambini devono rimanere fuori da tutto», si è limitata a commentare la Giordano, figlia del noto avvocato matrimonialista Annamaria Bernardini de Pace. I due nelle ultime settimane trascorrerebbero sempre più tempo lontani: ufficialmente per motivi di lavoro. L’amore è sfumato? Il matrimonio al capolinea? Dopo Monica Bellucci e Cassel finirebbe così un’altra favola italiana. E nel frattempo hanno iniziato a rimbalzare su internet anche le ipotesi più incredibili e assurde, come quella che la crisi sarebbe dovuta a un terzo incomodo che sarebbe entrato nel cuore di Raoul… Un uomo. Si tratta di voci assolutamente prive di ogni fondamento. L’ombra della crisi, fra l’altro, si allunga sulla vita dell’attore proprio a pochi giorni da un ricovero in ospedale per accertamenti dopo ima febbre alta. Ma se le preoccupazioni per la sua salute ora sono rientrate, i fan rimangono in fibrillazione per la storia d’amore sperando che il lieto fine possa essere ancora possibile. Con Chiara è stato un colpo di fulmine nel 1997: «È una donna di polso. Concreta. Al contrario di me, che sono un sognatore», ha detto il sex symbol. «Mi sono innamorato di lei perché non mi ha trattato come una star». Intanto Raoul è tornato sul set del film di Fausto Brizzi Indovina chi viene a Natale? dove interpreta un quarantenne in crisi di mezza età.