Paola Cortellesi: La prima estate da mamma

12

E’j la sua prima splendida estate da mamma. E così, per dedicarsi alla piccola Laura, che è nata a gennaio, Paola Cortellesi è volata con la famiglia in Sardegna, dove fa lunghe passeggiate in spiaggia con la figlia e il marito, il regista Riccardo Milani. È nata dopo dieci anni di amore Attrice, imitatrice e presentatrice, negli ultimi anni la Cortellesi ha vissuto molti successi professionali, dalla conduzione di Zelig al David di Donatello come miglior attrice protagonista in Nessuno mi può giudicare, nel 2011. Ma la sua soddisfazione più grande la sta vivendo da quando, il 23 gennaio, ha stretto per la prima volta tra le braccia la piccola Laura. Una gioia che è arrivata dopo dieci anni d’amore con suo marito, che ha sposato a Roma, in Campidoglio, l’I ottobre del 2011. Così, se prima la sua vita si divideva tra i set cinematografici e quelli televisivi, ora le priorità si sono invertite: il lavoro è passato un po’ in secondo piano, soprattutto quello in Tv. Per questo ha lasciato da parte qualche progetto che ha giudicato incompatibile con la famiglia. Ma non ha rinunciato a partecipare da protagonista, in primavera, alle riprese del film del regista napoletano Luca Miniero, Un boss in salotto. È una commedia con Rocco Papaleo, Luca Argenterò, Angela Finocchiaro e Ale e Franz. Uscirà al cinema l’anno prossimo: racconta, con taglio iro nico, affinità e differenze tra settentrionali e meridionali. Parte delle riprese sono state fatte a Merano, in Alto Adige; dove Paola ha portato Laura con sé. «Mia figlia qui respira meglio che a Roma. E i posti sono bellissimi», ha detto. Però, appena ha finito di girare, è volata in Sardegna, con il marito e la bimba. Una vacanza in famiglia per poter ricaricarsi e affrontare di nuovo con grinta il suo ritorno sulle scene. A settembre, infatti, tornerà al lavoro sul set del nuovo film di Carlo Verdone, Vicini per caso. Dovrebbe uscire nel 2014, proprio nel giorno di San Valentino. Il suo personaggio sarà quello di una vicina di casa molto speciale. Si racconterà il complicato rapporto tra genitori e figli. «Mi piace molto cambiare registro e ruoli», ha detto lei, parlando delle sue interpretazioni al cinema. «Anche se la cosa più importante è la storia da raccontare! », ha concluso. Ora comunque la sua storia è quella di una mamma. «Paola è serena e non è apprensiva », ha confidato Riccardo Milani, parlando della moglie. Insomma, lei è, molto semplicemente. .. felice! Ha già recuperato la sua forma fisica e pensa soltanto a stare bene con la famiglia, che ha fortemente voluto. Lo si capisce dal modo in cui guarda la piccola Laura e dal calore che le trasmette quando la tiene, orgogliosa, tra le braccia. Ma non dimentica anche il suo ruolo di moglie e di donna. Per questo, per la coppia, le spiagge bian che dell’isola sono l’occasione giusta per abbandonarsi a un po’ di sano romanticismo. Perché Paola Cortellesi oggi è soddisfatta, serena e rilassata; e vive con intensità il suo ruolo di madre e professionista, senza rinunciare a nulla. Anzi, si dedica molto anche ai temi di carattere sociale. E impegnata con Ferite a morte, il progetto teatrale di Serena Dandini contro il femminicidio. Inoltre, ogni anno, in occasione della Festa della mamma, rinnova il suo sostegno alla campagna portata avanti da Save The Children. Un’iniziativa per sensibilizzare la gente sul tema della mortalità dei neonati e delle loro mamme in molti Paesi in via di sviluppo, soprattutto in quelli africani. Insomma, forza Paola!