Nina Moric: “Ho fatto voto di castità, sono tre mesi che resisto”

BG_nina-morich-labbra

Ha appena firmato le carte del suo divorzio da Fabrizio Corona. Ma, invece di sentirsi libera, Nina Morie è ancora legata ai ricordi dell’ex marito. «Lui deve uscire dal carcere: non è giusto che sia ancora rinchiuso in cella e trattato come un serial killer», dice arrabbiata. Non è un momento facile per l’ex modella croata. Che parla in esclusiva con Nuovo e, dalle pagine del nostro settimanale, lancia un appello: «Mio figlio ha bisogno della presenza del suo papà: perché tenerlo ancora dietro le sbarre?». La showgirl è molto decisa. Spara a zero contro tutto e contro tutti, anche se cerca di in un abito lungo e scollato che evidenzia i tatuaggi, capelli raccolti, rossetto rosso e un nastro nero al collo, l’indimenticata protagonista del video hot di Ricky Martin – Livin La Vida Loca – ha lo sguardo velato di tristezza. «Non ho rancore nei suoi confronti» Poi ricomincia lo sfogo sull’ex re dei paparazzi che il 29 marzo ha compiuto 40 anni e che lei ha immaginato solo, chiuso in cella, anche nel giorno del suo compleanno. Nina e Carlos, il bimbo nato dalla loro unione, non sono andati a trovarlo, ma gli hanno auguri. «Non posso che sperare il meglio per Fabrizio. Anche se le nostre vite si sono separate, non ho nessun rancore nei suoi confronti», racconta lei. Stanca di relazioni sbagliate – l’ultima con lo stilista Massimiliano Dossi – ora la Morie ha deciso di mettere la parola “fine” all’amore. «Il principe azzurro non esiste e comunque non lo cerco più», confessa la showgirl. E al nostro settimanale confessa di avere preso un’altra decisione: «Ho fatto voto di castità». Nina, stai scherzando vero? Ma è un miracolo… «(Sorride, ndr). Mi sono daSono tre mesi che non ho rapporti sessuali perché sono stanca di dare qualcosa di me a persone che non meritano. Dopo Fabrizio è stato un abisso continuo. Ho sempre agito per a – more e mai per interesse, ma ci ho sempre puntualmente rimesso con gli uomini con cui sono stata. Metterei tutti i miei ex sul litanie e li farei affondare. Sono convinta del voto di castità, del fioretto». I fioretti si fanno per ricevere una grazia. Speri nella scarcerazione di Corona? «L’ho fatto innanzitutto per me stessa e per la mia serenità interiore. Ho il dovere di trasmettere serenità a mio figlio Carlos. Fabrizio non merita il carcere. Ha sbagliato, ma non può essere trattato come un assassino. Per le cose che ha commesso bastavano anche un paio di mesi: tutti questi anni mi sembrano eccessivi… ». «La vita non è facile per nessuno» Nella tua intervista a Verissimo hai usato parole dolci nei confronti del tuo ex… «Ho sempre stimato la Toffanin, ma non è stata carina nei miei confronti. Per tutto il tempo ha cercato di farmi confessare che il mio atteggiamento nei riguardi di Fabrizio è cambiato. Fin dall’inizio dell’intervista, avevo ammesso di essere dispiaciuta di aver parlato male di lui, ma lei insisteva nel voler farmi passare come la capricciosa di turno. Naturalmente la parte in cui spiegavo la faccenda è stata tagliata. Non ho mai avuto problemi invece con la D’Urso». L’esperienza di Fabrizio come ti ha cambiato? «Intanto io mi ritrovo un ex marito in galera e da sola a crescere un figlio. Sarei una povera infame se continuassi a sputare veleno su un uomo che è in carcere e non può difendersi. Entrambi ci siamo pentiti del fatto di non avere lavato i panni sporchi in casa». Corona ha detto che tu sei stata la donna più importante per lui. Credi che Belén abbia contribuito a rovinargli la vita? «Anche quando stava con me era un delirio. Nessuno gli ha puntato la pistola in faccia: tutto quello che ha fatto è solo frutto della sua volontà. Non conosco i dettagli della loro storia, però lei adessb. è una donna sposata e felice mentre lui è in carcere». Alla presentazione milanese del tuo cd c’era anche Lele Mora. Te l’aspettavi? «Sono stata felice di averlo visto. Non provo rancore. La vita non è facile per nessuno e io ne so qualcosa».