Mika: “Io so scovare i talenti guardandogli la pancia”

mika-11-8-8-ic-11

Dietro quell’aria sbarazzina e il sorriso innocente da bravo ragazzo, si nasconde il carisma del giudice più temuto della settima edizione di X Factor. L’eclettico Milca, che sbaraglia le classifiche intemazionali con Relax (take it easy) e Grace Kelly e che finora ha venduto 28 milioni di dischi, è pronto a presentarsi al pubblico italiano in una veste insolita. A partire dal 26 settembre, il cantante inglese di origini libanesi affiancherà infatti Morgan, Elio e Simona Ventura nel seguitissimo talent show musicale di Sky Uno, a cui è art rivato prendendo il posto di Arisa. Ma chi è questo istrionico artista? Visto lo svela. Michael Holbrook Penniman ji% questo il suo vero nome, esuberante e incontenibile sul palco, ma educato e discreto nella vita privata, è il classico ospite die entra in casa d’altri in punta di piedi per poi uscirne da protagonista* E dii ha partecipato ai casting se riè già accolto: quando si tetta di selezionare un talento, l’artista britannico non ha proprio peli sulla lingua* D’altronde, una pop star del suo calibro non si accontenta di dire si a un visetto carino e a uno stile canoro ineccepibile. Già, perché avere il fattore X per uno come lui significa ben altro: «Cerco l’originalità, non una tecnica perfetta», spiega serafico. «È molto importante pensare alla vita del concorrente dopo il programma». Tanti sono stati in questi mesi i suoi giudizi sferzanti su esibizioni non all’altezza tanto che lo avrebbero già etichettato come «il cattivo».Ma non è vero, voglio solo essere onesto», si giustifica l’artista inglese. «Quando mi hanno proposto di partecipare a XFactor in qualità di giudice ho chiesto se dicevano seriamente. Non pensavo che volessero davvero me», si schermisce. «Prima di accettare ho preso qualche lezione di italiano per vedere se potevo cavarmela e alla fine ho detto sì». E il perché Magnolia abbia puntato su di lui è presto detto : «Sono stato ospite nel Elio : 2007 quando era in Rai, ci sono tornato due volte nell’ultima edizione e ho molto apprezzato l’evoluzione umana e artistica; ho duettato con Chiara, mi sono anche seduto tra i giudici per gioco. Insomma, sono stato bene.

Era una sfida che dovevo accettare. Perché amo le sfide». L’unico svantaggio per il cantante inglese sarà quello di dover imparare a esprimersi in una lingua che non è la sua, anche se in questi mesi sta facendo grandi progressi. Merito del suo insegnante di italiano, un giovane siciliano, che, per garantirgli un paio d’ore di lezioni giornaliere, lo segue in giro per il mondo. «Sì, sto prendendo lezioni di italiano non solo nel senso della lingua, ma anche della musica: sto guardando tutte le passate edizioni di Sanremo in dvd, sto ascoltando Mina, il vostro pop-rock degli Settanta.  Quando faccio una cosa la devo fare seriamente. Se devo giudicare dei cantanti devo farlo conoscendo la vostra lingua, le tradizioni, la mentalità». Dalla sua porta l’esperienza: «Sarò un giudice molto serio. Dai cantanti esigerò un ego non troppo grande. E sincerità. Che capisco subito guardando la pancia, perché se sei te stesso canti col plesso solare duro, se fingi ce l’hai molle». A temere il nuovo giudice non saranno solo i concorrenti: anche tra i colleghi serpeggia un filo di invidia nei confronti di una star che potrebbe offuscare personalità altrettanto forti come quelle di Morgan, Elio e Simona. «Non temo Milca, anzi lo amo», ribatte Morgan, per nulla turbato. «Mika mi piace molto sia come artista sia come persona, è un ottimo acquisto nella squadra. Lo vedo come lo scambio culturale che facevo ai tempi del liceo». Finge indifferenza anche Non lo temo, non perché penso di essere il più forte in assoluto, ma perché, dopo quattro anni posso dire che della gara non me ne frega niente». E la Ventura ammette: «Lui è un’opportunità, non una persona dà osteggiare». Chi invece si dice innamorata persa è Chiara Galiazzo, la vincitrice della passata edizione di XFactor. «E l’uomo dei miei sogni», ammette letteralmente folgorata dal suo fascino. «Oltre a essere bravissimo è uno schianto di ragazzo. Da perderci la testa». Un sentimento platonico, il suo, destinato a rimanere tale visto che l’affascinante cantautore lo scorso anno ha reso pubblica la sua omosessualità in un’intervista alla rivista americana Instinct: «Se mi chiedete se sono gay, vi dico di sì. Mi chiedete se le mie canzoni parlano di relazioni con uomini? Io dico sì. E solo attraverso la mia musica che ho trovato la forza di affrontare la mia sessualità, al di là del significato dei testi. Questa è la mia vera vita». Ma Chiara sembra non curarsi troppo di questo «dettaglio » e sdrammatizza: «Mika è gay} Capirai, io mi sono sempre innamorata di ragazzi omosessuali»