Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi: Il loro giorno più bello

michelle-hunziker-e-tomaso-trussardi

Tbmaso è un ragazzo dolce ed educato, ma anche forte e determinato, è un Ariete, ha le idee chiare. Un maschio vero, con tutti i pregi e i difetti. Come quando gli uomini dicono di una donna: “È proprio femmina, che due maroni (ride, ndr)!”». Parola di Michelle Hunziker, quando ci confessò che avrebbe sposato il giovane Trussardi. «Mi ha chiesto la mano in modo tradizionale, a Venezia. Si è inginocchiato e mi ha dato l’anello: un’emozione che ferma il tempo» Ora la showgirl e Liniprenditore sono marito e moglie e, dopo la piccola Sole, nata proprio un anno fa, aspettano un’altra bambina. Lo ha svelato Vittorio Feltri, Cupido della coppia e testimone di nozze di Tommy (per Michel- le c’era Antonio Ricci). Forse proprio per aver realizzato il sogno di unire un ragazzo che per lui è come un figlio e la donna più desiderata dagli italiani, Feltri era uno dei più commossi nella Sala dei Giuristi del Palazzo della Ragione di Bergamo, dove la coppia ha detto “sì”. Più emozionata di Feltri c’era solo Aurora, 17 anni, figlia di Michelle e di Eros Ramazzotti, che per la mamma è come una sorella. «Quando ho dovuto spiegarle la prima volta che avrei avuto una figlia da Tomaso, Auri mi ha detto: “Sei più preoccupata di me, sono felice, sei mia mamma”». 11 rapporto di affetto e complicità fra le due donne e quello che c’è fra due uomini grandi, grossi e sensibili come Feltri e Tomaso, sono stati gli spunti più emozionanti di questo matrimonio. Anche Giorgio Gori, primo cittadino di Bergamo, aveva i brividi. «D vostro è il primo matrimonio che celebro da quando sono sindaco: sono molto emozionato, proprio come voi, e felice che vi siate sposati qui», ha detto durante la cerimonia, che si è conclusa in mezz’ora. Michelle ha dovuto ripetere due volte il “sì” a causa della commozione, sua e del sindaco. Fuori dal palazzo una folla di fotografi, operatori televisivi, fan ha accolto gli sposi.

Michelle non ha voluto dare l’esclusiva del matrimonio ad alcuna testata e, così, tutte le testate si sono sentite in qualche modo invitate. Lei, che è abituata alla popolarità, ha risposto con ampi sorrisi, ma anche Tomaso è parso a proprio agio: la coppia ha concesso a tutti un ripetuto bacio sulle scale dopo il “sì”. Blindata, invece , la seconda parte del matrimonio, ovvero la festa a Villa Trussardi. In giardino c’erano due tendoni allestiti per ogni condizione atmosferica e siepi disegnate a forma di cuore. Ma la sorpresa per i palati fini degli ospiti era la presenza di quattro chef stellati: Carlo Cracco, Antonino Cannavacciuolo, Norbert Niederkofler e il bergamasco Chicco Cerea del ristorante Da Vittorio, quartier generale degli sposi. La festa è proseguita fino a tardi e ha visto la presenza dei vertici di Mediaset, a partire dal fondatore Silvio Berlusconi, ma anche di “infiltrati” Rai come Antonella Clerici, giunta in pace con il suo Eddy Martens. Di corsa, come di consueto, è arrivato Piero Chiambretti, che ha condotto la puntata di Striscia da solo, collegandosi con Michelle, e michelle-hunziker-e-tomaso-trussardil’ha raggiunta poi alla festa. «A Striscia mi sono sentito a casa, adesso andrò a vivere da Michelle e Tomaso», ha scherzato il conduttore.

Anche perché gli spazi si restringeranno presto nel nido d’amore degli sposi, che aspettano la loro seconda figlia. Una gravidanza che abbiamo annunciato per primi, rispettando la riservatezza di Michelle che, per sicurezza, ha voluto attendere il terzo mese per la conferma. Lei e Tomaso hanno bruciato le tappe, anche se all’inizio Trussardi jr ha dovuto prodigarsi per convincere la Hunziker a non rovinare tutto. «Venivo da alcune delusioni ed ero arrivata a pensare che non mi sarei più innamorata. Poi è arrivato Tommy, all’improvviso. Avevo alzato dei muri ma lui, con grande pazienza, li ha abbattuti». La vita degli sposi non è stata facilissima: Tomaso ha perso il padre e il fratello in incidenti stradali, Michelle ha dovuto superare la fine del suo precedente matrimonio e un periodo di ricerca di se stessa che l’aveva portata fuori strada. «Penso che, quando due persone si trovano, succede anche perché ci sono dei fili nascosti che le uniscono. La sofferenza che ci accomuna ha completato quell’incastro che rende completo un rapporto». Forse è questo che raccontavano le lacrime di Aurora e di Vittorio Feltri, angeli custodi degli sposi.