Meteo: Addio a pioggia e nuvole L’estate rialza la testa

meteo-big

Ha le ore contate il maltempo che ha colpito l’Italia negli ultimi giorni. Da oggi, dopo qualche residuo temporale nel Nordest, nelle zone interne del Centro e tra Sicilia, Calabria e Salento, non mancheranno le prime schiarite e il sole tornerà, gradualmente, ovunque. Gli italiani potranno godere di un clima gradevole, tipico di fine estate, almeno fino al week-end. Queste le previsioni del Centro Epson Meteo. «La forte instabilità che è stata alimentata dalla grande energia disponibile per effetto dei cambiamenti climatici in atto – sottolineano gli esperti – si avvia ad abbandonare le nostre regioni a partire dai settori occidentali dove i rasserenamenti saranno sempre più evidenti già oggi». Il miglioramento delle condizioni meteo sarà ancora più marcato da oggi, quando sull’insieme del Paese ci sarà una prevalenza di schiarite, con il passaggio di nuvolosità variabile. Resterà però la possibilità di rovesci o brevi temporali isolati nel Nordest (ma non a Trieste), sul’Appennino Settentrionale e su quello Centrale, mentre sarà una giornataunpo’ nuvolosa su Sicilia e Sardegna. Le temperature saranno in rialzo al Nordest e al Centro: la zona più calda sarà la Sicilia, convalori superiori ai 30 gradi. Il bel tempo, sempre secondo il Centro Epson Meteo, proseguirà fino al weekend, quando ci sarà tempo più stabile e temperature nella norma, tipiche di fine estate. Domani, in particolare, ci sarà prevalenza di tempo bello, con qualche nube innocua in più in transito al Nord. Nel weekend avremo prevalenza di tempo bello da Nord a Sud, con il rischio di qualche isolato temporale tra Calabria ed Est della Sicilia. Domenica, primo giorno di settembre – conclude il Centro Epson Meteo – avremo ancora una giornata di sole, con un probabile aumento della nuvolosità al Nord soltanto nella seconda parte della giornata per l’arrivo di un fronte perturbato. L’afa non torna più, e forse è meglio così, ma l’estate sì. «Avremo ancora belle giornate di sole e anchecalde – annuncia Livio Stefanuto, previsore dell’ Osmer-Arpa del Friuli Venezia Giulia – perché non è detto che l’estate meteorologica (a differenza di quella astronomica che va fino al 23 settembre, ndr) debba concludersi al 31 agosto, ma può inoltrarsi ben dentro settembre com’è probabile succeda quest’anno». Le nuvole, i rovesci, gli sbalzi all’ingiù della temperatura della prima parte anche di questa settimana dovrebbero dissolversi nelle prossime ore quando il tempo dovrebbe decisamente virare verso il bello e la temperatura tornare a salire, anche se non in modo esagerato. La seconda parte di agosto ha decisamente tradito chi era in ferie in città e non teme il caldo. A differenza della primavera, l’estate è stata piuttosto secca, ma a Trieste in particolare ha fatto registrare un altro record, quello della bora, presente in modo impetuoso come solitamente non accade in luglio e agosto e addirittura una raffica che ha raggiunto i 104 chilometri all’ora. E se imeteorologi stessi, abituati solitamente a smussare tutte le esagerazioni, dicono che si è trattato di un fatto straordinario, significa che realmente siamo stati di fronte a qualcosa di eccezionale. Sarà stato forse lo scotto da pagare per avere una coda di estate nella prima parte di settembre come sostengono i previsori che stavolta tutti si auguranoabbiano ragione. «A Trieste – spiega l’esperto Gianfranco Badina – avremo bel tempo ancora per parecchi giorni. Anche se l’attendibilità tende a calare mano a mano che si esaminano giorni più lontani, possiamo azzardare che godremodi giornate soleggiate, contemperature gradevoli, tra i 20 e i 28° C, fino a venerdì della prossima settimana». Il meteorologo triestino sottolinea come l’anticiclone africano che aveva garantito medie molto elevate nei primi 12 giorni di agosto (36,4° il giorno 5, contro un record assoluto di 36,5°, nel 2003), abbia ceduto alle correnti atlantiche. Avremo giornate con escursioni tra i 20° e i 28°, senza troppa umidità. La media delle minime, questo agosto, risulta leggermente più alta del solito. «Buone notizie anche per i bagnanti – continua – perché a meno di forti temporali o venti che rimescolino le colonne d’acqua, il mare che ora ha 23° dovrebbe mantenersi gradevole per almeno altri 15 gorni». (p.p.g.-s.m.)