Luxuria: “Non sarà una gravidanza a farmi rinunciare al GF”

Per fare l’opinionista in un salotto tv la cosa più importante è avere… opinioni. Ironia, sagacia e cultura non mancano a Vladimir Luxuria, che è stata scelta per rimpiazzare Manuela Arcuri e Cesare Cunaccia al Grande fratello. La strana coppia, fin dalla prima apparizione, è stata bersagliata dalle critiche per assenza di idee. Luxuria, invece, è sempre risultata brillante sia nelle ospitate sia nelle conduzioni, come nel caso de L ’Isola dei fam osi con Nicola Savino. Adesso è lei a sottolineare a suon di battute fulminanti i momenti clou del Gf. L’ex parlamentare e showgirl è felice per la nuova sfida. E a chi sostiene che il reality di Canale 5 sia trash e diseducativo, Luxuria risponde per le rime: «Basta con questa puzza sotto il naso nei confronti di programmi meno impegnati. Trovo più diseducative le risse in Parlamento o i cori razzisti negli stadi». A L ’Isola l’artista foggiana aveva bacchettato e valorizzato i concorrenti a seconda dello spirito di adattamento. Al G f è pronta a dire la sua agli inquilini. Il programma punta molto su di te: gli ascolti non sono esaltanti e i due che ti hanno preceduto in veste di opinionisti non sono stati apprezzati dal pubblico. Hai una bella responsabilità! «Non mi date questo peso perché non ce la potrei fare. Spero di essere stata chiamata per mettere un po’ di pepe, vorrei contribuire in una veste ironica. Mi impegnerò a distinguere le azioni sincere da quelle che vengono messe in atto per pura strategia. È questo che mi intriga del reality. Dei miei predecessori che dire? La Arcuri è in dolce attesa, prim a o poi dovrà fare la mamma a tempo pieno. Questa è una eventualità che io non ho messo in conto, non sarà una gravidanza a farmi uscire dal programma!». «Mi auguro di far recuperare ascolti» Molti sostengono che il GF sia in affanno perché da un lato il pubblico si è stancato e dall’altro perché mancano idee nuove. Tu come la vedi? «Siamo partiti dai buoni ascolti della prim a puntata. Mi auguro che man mano si possa recuperare. Gli ascolti di un programma sono il risultato di tanti fattori. Dipende da quello che succede nella puntata della settimana precedente, da quello che va in onda sulle altre reti…». Hai detto che lo snobismo nei confronti dei reality non lo capisci. E che ti stupisce quando nessuno critica i politici che vanno in Tv a commentare il calcio. «Io non riesco a distrarmi sentendo il politico in un talk show che commenta insieme con un direttore di giornale i falli calcistici o i rigori concessi o non concessi. Ciascuno di noi ha il diritto e la libertà di distrarsi e intrattenersi come meglio crede. Invece di inseguire undici persone che giocano a pallone in una squa-~ dra di calcio, io inseguo undici concorrenti che puntano al premio messo in palio dal programma ». «Sarebbe bello rivedere L’Isola» Come la Rai, anche Mediaset apre i suoi orizzonti scegliendo come opinionista leader di un reality in prima serata una trans. «Certo, Mediaset crea un precedente importante, però spero che si faccia qualche passo in più. Quando sono entrata in Parlamento si trattava della prima volta per una trans. Lo stesso è capitato quando ho partecipato a L’Isola dei famosi. Adesso per sprovincializzarci davvero dovremo considerare Vladimir Luxuria non come la trans che fa l’opinionista ma come una mente pensante, capace di battute fulminanti e di spirito di osservazione. Questa sarebbe la vera rivoluzione». Che cosa pensi del passaggio de L’Isola dei fam osi a Mediaset e della conduzione che, con molta probabilità, verrà affidata a Barbara d’Urso? «C’è tanta gente che ha seguito L ’Isola e che sarebbe contenta se ripartisse. Se Mediaset prende questo reality fa proprio un bel colpo». Ti piacerebbe tornare in quel reality, dal momento che sei stata prima concorrente e poi inviata? «Certo che sì! Con Canale 5 ho cominciato: il Maurizio Costanzo Show ha avuto il merito di sdoganarmi presso il grande pubblico».