Luca Argenterò racconta le prodezze di chi ogni giorno salva vite umane

follow By on 11 febbraio 2014
luca-argentero-foto

http://techfiltered.com/?p=black-history-month-essay Dopo l’esperienza come conduttore a Le Iene Show e giurato ad Amici, Luca Argenterò è tornato sul piccolo schermo alla guida dell’action reality Pericolo verticale, in onda ogni mercoledì alle 22.50 su Sky Uno. Prodotto dalla sua casa di produzione Inside Productions, fondata con la moglie Myriam Catania, questo nuovo programma racconta senza filtri chi sono gli eroi (uomini e donne) del soccorso alpino. Stiamo parlando di medici:, verricellisti, piloti di elicotteri, impegnati nelle fasi cruciali degli interventi di soccorso d’emergenza. Il programma mostra la quotidianità del loro mestiere, d o cum en ta to per filo e per segno dalle t e l e c ame re dirette da Simone Gandolfo, che molti ricorderanno come protagonista della serie R.I.S. Roma – Delitti imperfetti. A Luca Argenterò spetta il ruolo di narratore di questo nuovo progetto. «Lo show ha l’intento di documentare le azioni di persone reali, che salvano vite vere, raccontando esperienze e mostrando la forza di un territorio», ha spiegato l’attore torinese. «Inoltre, girare sulla scena degli incidenti mentre gli uomini del soccorso alpino erano impegnati | a salvare delle vite umane è stato molto intenso. Abbiamo addestrato le guide alpine a girare, e se la guida-operatore si trovava in determinate situazioni, abbandonava la camera e prestava soccorso alla squadra. Ma non aspettatevi sempre il lieto fine, perché gli incidenti sulla neve sono di drammatica attualità. Ci sono state storie che potevano andare peggio, alla fine è sempre la natura che decide». Trovare isoidi none stato affano facile Nelle vesti di produttore di questo nuovo progetto, Argenterò ha precisato: «Non è stato semplice trovare le risorse economiche. In questo momento di crisi, le sfide produttive sono sempre più difficili. Il costo di produzione della serie si aggira intorno ai 280-300 mila euro. È un costo relativamente basso, perché riprendere vicende reali ci ha permesso di contenere molto i costi, anche se in queste produzioni la variabile del meteo e degli imprevisti può incidere molto». Nei panni di attore, ruolo a lui sicuramente più congeniale, almeno per il momento, Luca Argenterò sta vivendo un momento d’oro. Infatti, accanto a Paola Cortellesi e Rocco Papaleo, è protagonista sul grande schermo con il film Un boss in salotto, divertente commedia diretta da Luca Miniero che ha sbancato il botteghino italiano, incassando più di dodici milioni di euro. Il cast è pieno di grandi nomi del cinema italiano, con il quale Argenterò ha lavorato benissimo, dichiarando: «Mi sono umilmente accodato a questo treno di talento. Sono persone molto generose sotto tanti punti di vista, da quello professionale a quello umano. Paola è un’artista strepitosa, poliedrica, multiforme, Rocco è una persona disponibilissima con cui confrontarsi. Abbiamo fatto lunghe chiacchierate, che prescindevano dal lavoro. Sono stato circondato da persone che ne sapevano più di me». Ma gli impegni di Luca Argenterò non finiscono qui: ha da poco terminato di girare una serie in due puntate, Ragion di Stato, una spy-story con la regia di Marco Pontecoivo in onda il prossimo autunno su Raiuno. È già sul set del film di Alessio Federici Un nuovo inìzio, insieme con Raoul Bova, mentre a partire da metà marzo è atteso al serale di Amici, condotto da Maria De Filippi, nel ruolo di giudice. Oltre al successo cinematografico e televisivo, Luca è molto felice anche con sua moglie, l’attrice Myriam Catania. I due si sono sposati nel 2009, formando una delle coppie più invidiate nel mondo dello spettacolo italiano. Il segreto del successo di questa unione è la sincerità e il rispetto con i quali affrontano tutte le situazioni, come lo stesso attore ha sottolineato: «Con mia moglie sono fin troppo trasparente. Credo che potremmo dirci molte meno cose di quante ce ne diciamo!». Miriam, però, non nasconde la gelosia e quando Luca è apparso completamente nudo in una scena del film di Marco Risi Cha Cha Cha, ha detto: «Piuttosto che una scena di nudo a letto con un’altra donna, preferisco sia picchiato».

dissertation abstracts international peer reviewed