Loredana Lecciso: “Romina a Sanremo con Albano? la vedevo fin da quando ero piccola”

Loredana Lecciso nella sua Puglia è sempre indaffarata. Imprenditrice di successo, si divide tra la sua casa a Lecce e Cellino San Marco, dove c’è la tenuta Carrisi. Sorridente e affabile, non lascia trasparire alcuna emozione riguardo a un possibile rientro in Puglia dell’ex moglie di Albano, Romina Power. Che, secondo alcune dichiarazioni del noto cantante pugliese, nei giorni scorsi avrebbe concluso l’acquisto di alcuni terreni a Manduria, a due passi da Cellino San Marco. Loredana, come vanno gli affari in questi tempi di crisi? «C’è la crisi è vero, una . delle peggiori di questi tempi. Spero che passi al più presto, ma da mamma sono terrorizzata non tanto per me ma per i miei figli. Perché penso a come sarà il loro futuro». A proposito: come segue la crescita dei suoi figli? «Non sono la classica mamma apprensiva. Anzi cerco di seguire le loro inclinazioni. Jasmine è portata verso il canto, invece Bido è più pragmatico, più operativo.Proprio Jasmine ha debuttato come cantante.

Come ha vissuto questo momento? «È stato emozionante, una parentesi carina nella sua vita. Poi, se la cosa andrà avanti, vedremo. Come ho detto tempo fa mi sarebbe piaciuto che avesse fatto il medico come mio padre, ma se il canto dovesse diventare la sua vita, la sua carriera, di certo non la ostacolerei». Con un papà come Albano Carrisi… Che effetto le ha fatto rivederlo cantare sui palchi di mezzo mondo con la sua ex moglie Romina Power? «Io sono felice quando li vedo sui palchi in giro per il mondo piuttosto che in un’aula di tribunale. In questi anni passati vi è stata tensione tra loro, una tensione che volente o nolente si respirava anche in casa. Quindi vederli duettare, in armonia, mi fa solo che piacere. Decisamente meglio che saperli in guerra». Duetteranno, insieme, anche sul palco del prossimo Festival di Sanremo. Che ne pensa? «Sarà un tuffo nel passato. Andare indietro nel tempo di 35 anni. A quando io bambina estasiata guardavo i grandi della canzone in televisione. Sanremo a quei tempi era seguitissimo, lo sentivamo tutti un po’ nostro. Per me rivederli su quel palco insieme sarà davvero un tuffo indietro nella mia infanzia, che ricordo sempre con tanta nostalgia». È vero, come è stato detto, che le piacerebbe accompagnarlo a Sanremo? «Com’è già successo per il concerto di Mosca, deciderò solo all’ultimo momento. Non ho preclusioni al riguardo e farò scegliere ai miei figli. Se loro vorranno andare, andrò anche io».

E lei, invece, quando tornerà in televisione? «Presto, perché ho preso parte in qualità di conduttrice a un programma che al momento non ha ancora una rete ma di cui abbiamo già girato la puntata zero. Si chiama Doppio Sì e pratica- mente leccisosarà il divertente racconto di due matrimoni, uno ambientato al Sud e l’altro al Nord». A proposito di matrimoni: lei si vorrebbe risposare? Ci pensa? Della sua unione con Albano non se n’è più parlato… «Io mi sono già sposata tempo fa (nel 1993, con Fabio Cazzato, ndr). Recentemente ho accarezzato nuovamente l’idea con Albano, ma i tempi non erano ancora maturi. In futuro vedremo…». È molto impegnata pure nel sociale e sta promuovendo una campagna per la prevenzione al tumore alla mammella. Lo fa anche perché è figlia di un medico? «Io ho sempre seguito i consigli di mio padre, medico pediatra, e devo dire che soprattutto per quanto concerne l’alimentazione i suoi divieti ci hanno permesso di crescere sani. Collaboro con 1 ’associazione Senonetwork Italia onlus del dottor Luigi Manca e sono straconvinta che la prevenzione in assoluto sia l’unica arma per combattere il tumore al seno. Di conseguenza consiglio a tutte le donne di fare la mammografia almeno una volta l’anno».