Loredana Lecciso: “Ecco perchè sono felice per Romina e il mio Albano”

Cattura

Solo tre sono gli ingredienti indispensabili per comprendere al meglio questa “chiacchierata fiume” esclusiva con Loredana Lecciso. Il primo è tutto nella foto qui a sinistra: Al Bano che, sul palcoscenico in Spagna, guarda dritto negli occhi l’ex moglie, Romina, chiaramente “lusingata” da queste attenzioni. Il secondo, invece, riguarda il fatto che l’artista pugliese e Lory gestiscono questa loro relazione sulla base di un equilibrio tutto nuovo. Ovvero vivendo separati: lui a Cellino, lei a Lecce. Il terzo, infine, si riassume nelle 42 candeline che Lory sta per spegnere e che la rendono una donna ancora più matura. «Da piccole non festeggiavamo», ricorda la showgirl pugliese confessandosi con generosità , «perché sono nata nel giorno di Sant’Oronzo, il patrono della nostra città. Lecce in questi giorni è in festa e, con le amichette in vacanza, non avevamo l’abitudine di organizzare una festa… Piuttosto, è un pretesto per riflettere sullo scorrere degli anni. Non amo i bilanci, ma ovviamente mi ritrovo a fare considerazioni, a guardare a ciò che è stato, a meditare su quello che sarà. In passato avevo il terrore del trascorrere del tempo.

Cercavo quasi di correre più del tempo stesso. Ora ho imparato a guardare alla vita in modo diverso: so gestire tempi più lunghi, ritagliandomi spazi di riflessione. Sono sempre stata istintiva, partivo in quarta. Ora so ponderare meglio le situazioni». Compi 42 anni: non è un po’ presto per essere così tranquilla? «Ci sono pro e contro, non si può avere tutto: da un lato sì, è presto e un po’ si rimpiange quel briciolo di follia di qualche tempo fa. Dall’altro, hai una stabilità del tutto nuova, bella. Avete presente quelle giostrine dei bambini con due seggiolini ai lati di un asse che oscilla su un perno centrale? Ecco, quel gioco ti fa oscillare e io, adesso, è Catturacome se avessi portato l’asse in equihbiio, in orizzontale, in una posizione più stabile. Magari senti la mancanza dei picchi più alti, ma almeno non ci sono cadute». Veniamo subito al punto: come ha reagito questo quadro di equilibrio alle foto di Romina e Al Bano così complici in Spagna? «Questo tipo di problema è più degb altri che mio. Foto e show a parte, la sostanza poi è quella che vivo io: francamente, le serate di Romina e Al Bano non mi creano alcun tipo di conflitto. Anche se sembra che quasi tutti si apettano chissà quali cose negative…».

E normale che le gente si aspetti la tua reazione, non credi? «Rispondo così: proprio la Spagna qualche tempo fa è stata palcoscenico di insulti e scontri tra Romina e Al Bano (a Telecinco, nel 2011, i due erano stati invitati separatamente per spiegare i motivi del la fine della loro storia: il confronto è stato molto “acceso”, ndr). Adesso, invece, gioisco che la stessa Spagna, grazie ai concerti, sia “palcoscenico” di un’intesa ritrovata. Perché non bisogna dimenticare che, quando c’è uno scontro, tutti ne risentono, non solo i “protagonisti”. Tutti, a partire da me e dai nostri figli (Jasmine di 13 anni e Albano Junior detto Bido di 11 anni e mezzo, ndr). Adesso, con questa nuova situazione di armonia, anch’io sono ima mamma febee. I nostri bambini ne beneficiano: b ho mandati a tutti i concerti di Al Bano e Romina e questo è stato un fattore di distensione e benessere per tutti. Mi chiedo: ma che cosa c’è di strano o di male che due persone di ritrovino a cantare insieme? Al Bano e io abbiamo abe spalle famiglie tranquibe e serene, molto tradizionah, dunque auspichiamo per i nostri figh la stessa serenità. Gb scontri non fanno bene a nessuno.

Pagine: 1 2 3