Kate Middleton: Ricicla abiti vecchi e quelli nuovi li compra ai saldi

Can I Pay Someone To Write My Paper By on 27 dicembre 2013
kate-middleton6

http://ariesinternational.co/?p=paper-writing-services-reviews Da quando si è innamorata del principe William d’Inghilterra, Kate Middleton ha sempre gli occhi puntati su di sé. Come si è vestita per la partita di polo? E per la prima di quel film? Chissà che cosa indosserà domani… Una come lei, vien da dire, avrà l’imbarazzo della scelta e un armadio da sogno, con abiti da cambiare ogni giorno senza mai doversi mettere due volte lo stesso. Peggio di Carrie Bradshaw in Sex and thè City, la serie tv diventata famosa anche perché la sua protagonista davvero non ha mai replicato un abito in sei stagioni di messa in onda. Ma Kate non è la protagonista di una telenovela, anche se a volte i tabloid inglesi fanno apparire la sua vita come se lo fosse. Kate è una principessa del popolo fatta e finita. Ha raccolto con coraggio il testimone di Lady Diana e lo dimostra ogni giorno, in barba a chi storce il naso quando si presenta a un evento ufficiale con lo stesso look dell’anno precedente, o di pochi mesi prima. Talvolta messo più di due volte nello stesso anno. E magari acquistato a prezzi di saldo! Insomma, dopo tante nuore disobbedienti, finalmente la regina Elisabetta ha trovato una nipote (acquisita) che segue le sue indicazioni. Sono anni, infatti, che sua Maestà rivolge appelli alla popolazione, ma soprattutto alla propria famiglia, in nome dell’austerity. Lei stessa è da esempio ai suoi sudditi: pare che per riscaldare la sua stanza utilizzi una stufetta da 30 sterline, pari a circa 35 euro. Un segnale importante, dato che circa il 28 per cento della popolazione inglese vive in povertà secondo il New Policy Institute. E se il giovane principe Harry talvolta dà grattacapi con vacanze costose o comportamenti non proprio esemplari, ci pensa il suo preferito, William, a porsi come baluardo di virtù. E con lui Kate, appunto. Per lei la regina riesce a chiudere un occhio anche quando la giovane indossa abiti con spacchi un pochino troppo profondi o gonne decisamente corte. Ma di fronte a una crisi economica mondiale, ci voleva una principessa borghese a riportare con i piedi per terra la monarchia. Una che va a fare shopping da Topshop e altre catene “cheap and chic” (dove si trovano capi di tendenza a prezzi bassi) come tutte le ragazze della sua età. E che quando ha un abito griffato lo indossa, certo. Ma più volte. Con abilità, poi, lo impreziosisce con accessori diversi. Soprattutto cappellini, la sua passione. Come sempre a corte, e sui giornali, qualcuno maligna: come è possibile che una rappresentante della famiglia reale osi tanto da rischiare di indebolire il suo ruolo ufficiale? Se l’abito fa il monaco, figuriamoci la principessa. Ma lei alle critiche ci è abituata. Fin da quando ha accettato la proposta di matrimonio di William, il ragazzo conosciuto nel 2001 all’università di St. Andrews e con cui per anni ha vissuto senza esserne ufficialmente la fidanzata. Quando i giornali scandalistici hanno scoperto la sua esistenza, nel 2005, dopo la laurea, i paparazzi l’hanno seguita, umiliata insinuando relazioni del suo boyfriend con altre donne, soprannominandola “Waity Katie”, ovvero “Kate in attesa” (di ricevere la proposta di matrimonio). O rigirando il coltello nella piaga quando lui, invaghito di Isabella Calthorpe, l’aveva lasciata. È il 2009 ma la separazione dura poco. E quando la coppia torna insieme sa che è per sempre. Come i gossip e i veleni. Il matrimonio da fiaba del 29 aprile 2011 è stato accompagnato per mesi dalle voci sulla presunta sterilità della Middleton. Voci messe in giro, in primis, da Camilla Parker Bowles, proprio lei, la moglie di Carlo. La suocera. La pressione perché mettesse al mondo un erede non l’ha abbandonata finché, il 22 luglio, non è nato il baby prince, George Alexander Louis. Da allora Kate è ancora più forte. E ancora più in forma. Riesce persino a indossare gli abiti messi per la prima volta quando ancora non aveva partorito. Non è che chi critica è un poco invidioso? Catherine Middleton va per la sua strada e riesce a portare la monarchia con sé verso la modernità. Quindi anche verso la gente comune. E allora sì che l’abito fa la principessa: una però che ha la testa sulle spalle e sa che con il suo comportamento può essere un modello per tanti altri. Non a caso è diventata punto di riferimento per diversi stilisti emergenti. Ci ha provato perfino l’ereditiera neomamma Kim Kardashian a spedirle alcuni abiti, disegnati appositamente per il Royal Baby, oltre ad alcuni capi della collezione del consorte Kanye West per la principessa. Ma a tutto c’è un limite: Kate ha rispedito il pacco al mittente.

get