Forex: investire nelle valute per guadagnare

Il mercato Forex attrae moltissimi trader, per alcune motivazioni specifiche. Da un lato ci sono alcune coppie di valute in regolare movimento, che permettono di fare speculazioni molto remunerative. Inoltre spesso sono gli eventi a livello internazionale, di tipo economico, politico o di cronaca, che portano ad una evidente modificazione dei valori di cambio. Per un trader alle prime armi il Forex risulta essere un mercato più amichevole e facile da comprendere rispetto ad altri mercati, come ad esempio quello azionario o delle materie prime.

Le notizie e i cambi valutari
Ci sono alcuni eventi, a livello locale o internazionale, che influiscono in modo preciso e diretto sull’andamento dei cambi tra valute. Si pensi ad esempio a ciò che è avvenuto al valore del cambio tra euro e sterlina nel periodo del referendum sulla Brexit e a ciò che sta avvenendo ancora oggi ogni qual volta si parla nei notiziari delle trattative tra il Governo del Regno Unito e la comunità Europea. Tale influsso è ben noto a tutti, anche a chi non si occupa di finanza, mercati o investimenti. Le notizie cui il trader deve fare attenzione quando vuole investire nel forex sono però anche altre. Un’elezione, un referendum sono sicuramente questioni scottanti. In molti casi però anche eventi quali le previsioni di sviluppo industriale di un Paese o le notizie che riguardano il tasso di occupazione e disoccupazione. Ogni volta in cui tali notizie raggiungono i giornali e i notiziari TV, si presenta l’occasione per un importante investimento nel forex.

In quali valute investire
Generalmente chi investe nel forex tende a prediligere le speculazioni che riguardano le valute più diffuse e note, come ad esempio l’euro, la sterlina, il dollaro o lo yen. Nessuno però ci vieta di investire anche in altri ambiti, come ad esempio nelle corone danesi o nel dollaro canadese. Questo tipo di valute però tendono ad avere un andamento meno prevedibile; si pensi ad esempio a quanto vale un franco svizzero: la non partecipazione della Svizzera alla Comunità Europea porta la valuta dello Stato a non avere scossoni importanti. Certo, se ci si specializza in un certo tipo di cambio, ad esempio quello tra euro e franco svizzero, si potranno ottenere interessanti guadagni, perché anche questa quotazione ha importanti movimenti nel corso dell’anno. Imparare a conoscerli e a prevederli è però un’altra questione. Per questo motivo generalmente il trader che si dedica al forex tende a preferire cambi maggiormente “discussi”, come ad esempio euro/dollaro, o euro/sterlina.

Trovare le informazioni in rete
Quando una persona si avvicina per la prima volta al mondo del trading online in genere il consiglio che le viene fatto è quello di specializzarsi in un numero esiguo di asset su cui investire. Lo stesso avviene nel Forex: molti trader tendono a investire sempre in una medesima coppia di valute, al massimo in due. Ci sono però periodi storici in cui conviene diversificare le proprie speculazioni, avvicinandosi ad altre coppie. Si pensi ad esempio al peso del dissidio tra USA e Corea del nord sul valore dello Yen.