I figli di Romina attaccano: La Lecciso non è la donna giusta per papà Al Bano

click By on 19 agosto 2013
lecciso_kika_482.jpg_370468210

link La Dynasty dei Carrisi ha appena mandato in scena una delle puntate più avvincenti. Di quelle che lasciano a bocca aperta, con la curiosità di sapere come andrà a finire. Non c’è stato il tempo per festeggiare l’imminente ritorno sul palco dell’ex coppia, Al Bano e Romina Power, durante il concerto che si terrà a Mosca a metà ottobre per festeggiare i 70 anni di lui. Né quello per preparare le nozze tra il cantante e Loredana Lecciso. Ed ecco che scoppia la bomba in famiglia. A scatenare il putiferio a Cellino San Marco, nel loro “regno” pugliese, ci ha pensato Cristei, da sempre indicata come la “cocca” di papà. La terzogenita di Romina Power, oltre a cantare, si è di recente lanciata nel mondo della moda, creando una sua linea d’abbigliamento. E, senza mezzi termini, ha bocciato la decisione del padre, che intende sposare la prorompente ex showgirl leccese. «Non vorrei che Loredana venisse al mio matrimonio. Non credo che lei mi inviterà al suo, se mai si celebrerà», ha tuonato a mezzo stampa. In pratica, lei non vede amore tra suo padre e la showgirl che gli ha dato due bambini; non riesce a considerarli come una vera coppia. Perciò l’appello è netto: «Papà, non farlo!». Uno sfogo in piena regola, forse dettato dal fatto che lei, di questo matrimonio, l’ha saputo dai giornali e non dal padre. Piccata, ha fatto sapere che, se deve apprendere la notizia in edicola, preferisce disertare le nozze. Il fatto che la Lecciso non fosse amatissima da tutti c’era da immaginarselo, però nessuno poteva sospettare che all’interno della stessa famiglia, nel verde della tenuta dei Carrisi, l’oasi apparentemente felice che tutti vorrebbero possedere, ci fossero questi veleni. Cristei non ci è andata leggera. Le uniche parole dolci le ha riservate ai suoi “fratellastri”, Bido e Yasmine, con i quali ammette invece di avere un feeling speciale. Ben diverso è il suo rapporto con Loredana. La figlia di Romina Power da anni non parla con Loredana. Solo all’inizio del legame tra suo padre e la Lecciso ci fu un abbozzo di dialogo, più che altro perché la “matrigna” cercava di legare con i figli del compagno. La ragazza e Loredana non si frequentano, non si parlano, non si danno consigli. A separarle c’è un muro, dettato da chissà quale diffidenza. Cristel ha ammesso di aver detto basta al rapporto con la Lecciso e di aver capito che non desiderava quella donna nella sua vita. E così è andata, peraltro senza particolari rimostranze da parte della nuova donna di Carrisi. Un colpo di scena clamoroso che la dice lunga sui possibili scenari che le seconde nozze di Al Bano potrebbero aprire nel clan. Anche perché Cristel nòn è la sola a protestare. Per ora Romina jr, che studia recitazione a Los Angeles ed è molto più vicina alla madre, non rilascia commenti ufficiali, ma pare che anche lei sia rimasta sbigottita nell’apprendere dei progetti matrimoniali del padre. Invece Yari, il primogenito del cantante e della Power, non l’ha presa affatto bene. Così come tanti altri semplici curiosi che, attraverso i social network, si sono schierati contro Loredana, da sempre capace di attirare sorrisi e perfidie con la stessa disarmante facilità. La Lecciso, che ha sfiorato il successo prima di dover scegliere una vita più tranquilla, fatta di figli e di negozi da gestire, pur essendo abituata a stare sempre in mezzo a qualche tempesta, questa volta è rimasta ferita dagli attacchi. A chi le chiede un commento, lei risponde che rispetta le opinioni di tutti, ma più che pensare alle parole si concentra sui fatti, sulla vita vera. E si chiede, con umiltà e un pizzico di vittimismo, che avrà mai fatto di male. Eppure, non è un caso che, dopo aver annunciato in pompa magna i fiori d’arancio, lo stesso Al Bano abbia postato su Facebook una foto insieme con i suoi cinque figli (di primo e secondo letto) senza che nell’obiettivo entrasse neppure l’ombra di Loredana. Segno di un’unione patriarcale solida, che supera qualunque difficoltà con la sola forza dell’amore e del dialogo. Assisi, Fàtima o Santiago de Compostela, i tre luoghi candidati a ospitare il suo matrimonio, forse per il momento possono attendere. Vista la buriana, il cantante ha cominciato a gettare acqua sul fuoco, lasciando intendere che le nozze potrebbero svolgersi tra un giorno, tra un mese o perfino tra un anno. Anche se, dicono i ben informati, lui e la Lecciso si dovrebbero scambiare gli anelli prima di Natale e prima del compleanno di Cristel. Da autentico uomo del Sud, lui non ha intenzione di rimangiarsi la parola data, ma si tiene sul vago per distendere il clima. D’altra parte non vuole andare a nozze senza il clan al completo. Così si è preso un periodo per poter affrontare l’argomento e per rimediare ai musi lunghi. Ma non ha cambiato idea. È difficile che un tipo solido come lui si faccia plasmare dagli altri. Alla fine, dopo 13 anni di tira-emolla, separazioni e caotiche convivenze, sposerà la Lecciso. Perché lui pensa che in amore arroccarsi sulle proprie posizioni, senza provare a cercare un compromesso, non serve. «Loredana è il mio caos. Ma dal caos nascono le cose belle», ha sempre detto. Prima di vestirsi a festa ha dunque bisogno di cementare la grande famiglia e di far sorridere di nuovo tutti, ricostruendo quella felicità che in passato, cantando a squarciagola, lo ha aiutato a creare il suo mondo (quasi) perfetto. Ci riuscirà prima del 25 dicembre?

go here