Grande Fratello: Partenza a rischio

index

E ora che fine farà il Grande Fratello? Dopo l’incendio che la notte del 13 dicembre ha distrutto la Casa di Cinecittà che avrebbe dovuto ospitare la nuova stagione del GF, cresce la preoccupazione p er le sorti del reality che sarebbe dovuto partire a gennaio. La Casa più spiata d’Italia è infatti ridotta a un cumulo di macerie e davvero sarebbe una bella scomessa riuscire a ricostruirla in tempo. Endemol e Mediaset promettono: «Stiamo lavorando per essere in onda il 24 gennaio». E anche Alessia Marcuzzi, chiamata per l’ottava volta a condurre il GF, giunto all’edizione numero 13, rassicura i fan via Twitter: “Sono sicura che grazie al lavoro della grande squadra di GF e di Cinecittà ce la faremo”. Ma la visione della montagna di ferro contorto e di ciò che è rimasto della grande Casa è desolante. L’incendio, che pare ormai accertato in via definitiva dai Vigili del fuoco sia stato non di origine dolosa ma causato da u n corto circuito, ha in fatti raso al suolo l’appartamento dalla p o rta rossa e le stru ttu re usate negli anni scorsi, come il tugurio e le stanze segrete, delle decisioni e delle sorprese. Si sono salvati invece il Palastudio da dove va in onda la diretta, gli uffici di regia, produzione e montaggio, e l’arena, che però è inagibile. «Sono an dati distrutti», ha confermato la scenoE ora che fine farà il Grande Fratello? Dopo l’incendio che la notte del 13 dicembre ha d istru tto la Casa di Cinecittà che avrebbe dovuto ospita re la nuova stagione del GF, cresce la preoccupazione p er le sorti del reality che sarebbe dovuto partire a gennaio. La Casa più spiata d’Italia è infatti ridotta a un cumulo di macerie e davvero sarebbe una bella scomessa riuscire a ricostruirla in tempo. Endemol e Mediaset promettono: «Stiamo lavorando p er essere in onda il 24 gennaio». E anche Alessia Marcuzzi, chiamata per l’ottava volta a condurre il GF, giunto all’edizione numero 13, rassicura i fan via Twitter: “Sono sicura che grazie al lavoro della grande squadra di GF e di Cinecittà ce la faremo”. Ma la visione della montagna di ferro contorto e di ciò che è rimasto della grande Casa è desolante. L’incendio, che pare ormai accertato in via definitiva dai Vigili del fuoco sia stato non di origine dolosa ma causato da u n corto circuito, ha in fatti raso al suolo l’appartamento dalla p o rta rossa e le stru ttu re usate negli anni scorsi, come il tugurio e le stanze segrete, delle decisioni e delle sorprese. Si sono salvati invece il Palastudio da dove va in onda la diretta, gli uffici di regia, produzione e montaggio, e l’arena, che però è inagibile. «Sono an dati distrutti», ha confermato la scenografa del reality Emanuela Trixie Zitkowsky, «3 mila metri quadrati di struttura e 14 anni di lavoro. Ora ab biamo poco tempo per preparare la Casa, che era quasi pronta. Mancava l’arredamento. Metà dei pavimenti erano stati messi». Ora le ipotesi sono due. Ricostruire la Casa sopra le macerie nello stesso luogo in cui si trovava, utilizzando le parti salve, oppure rifarla ex novo in una zona già identificata di Cinecittà accanto al Palastudio, per evitare agli ospiti spostamenti complicati. Tutto dipenderà dai tempi in cui la magistratura chiuderà il fascicolo delle indagini dissequestrando la zona dell’incendio. Solo allora si potranno fare previsioni più certe. Intanto continuano i provini per selezionare i nuovi gieffini. Quanto alle novità, ha detto Trixie Zitkowsky «non le posso raccontare perché speriamo di riutilizzarle nella nuova Casa». Secondo indiscrezioni, però, il GF 13 sarà più leggero e divertente rispetto al passato. Cinecittà, comunque, non è nuova agli incendi. Nel 2007 un rogo distrusse le scenografie di Roma antica, minacciando anche le statue del kolossal Ben Hur. Nel 2012 invece andò a fuoco lo storico studio 5, regno del grande Federico Fellini. E sempre lasciando dietro una scia di dubbi e interrogativi.