Gigi Mastrangelo: “Per vincere in pista sfrutto il Lato B”

http://sb1m.community/?p=buy-a-university-paper By on 11 ottobre 2013
maxresdefault

maurea landies phd dissertation 2009 E stato il sogno proibito di Madonna che l’avrebbe voluto protagonista di una coreografìa hot al suo fianco, ma Gigi Mastrangelo ha scelto Milly Cariucci e il suo Ballando con le stelle per debuttare nelle inedite vesti di ballerino. Nonostante la sua titanica statura, il simpatico Gigi spera di esserne all’altezza e ci svela le sue peripezie alle prese tra salsa e merengue. Il campione di volley, sex symbol desiderato e apprezzato tanto dal pubblico femminile quanto da quello maschile si racconta, con grande ironia, a Donna al Top. Che cosa ti ha spinto a lanciarti in questa nuova avventura? «Volevo misurarmi con una nuova esperienza e con la tv. E quale miglior occasione di Ballando con le stelle, che è il programma di punta del sabato sera? Vivo questa avventura come una autentica sfida con me stesso, visto che mi considero un “tronco” e così ne approfitto per imparare, finalmente, anche a ballare…». Sei alto più di due metri e certo la statura in questo caso non aiuta… «No, direi proprio che non parto avvantaggiato da questo punto di vista, anzi. I nostri maestri sono tutti grandissimi professionisti, mentre noi concorrenti saremo sotto stretta osservazione dei telespettatori che saranno parecchio curiosi di vedere come ce la caveremo visto che nella vita facciamo tutt’altro mestiere». «Non riesco a sculettare bene» Quali sono le difficoltà maggiori che stai affrontando a Ballando? «Alcuni passi richiedono una grazia e un’eleganza che mi appartengono poco o niente. Per la salsa e il merengue occorre imparare a sculettare e questo non mi riesce benissimo…». Puoi vantare, però, sicuramente un lato B nito dall’esercizio fìsico. Ognuno gioca le sue armi e, se le telespettatrici apprezzeranno, magari mi voteranno anche per quello (ride, ndr)». «Da ragazzo volevo fare il calciatore» L’altezza è stata per te una grande fortuna visto il mestiere che poi hai scelto di fare, ma l’hai mai vissuta come un complesso? «In realtà no, anche se a sedici anni ero già alto un metro e novantasei». Sarà stato diffìcile per te, da ragazzino, trovare una fidanzata “alla tua altezza”… «Alcune, anzi quasi tutte, erano un po’ imbarazzate e intimorite. A volte sembravamo il papà che portava la bimba al circo». Sei un campione di pallavolo, ma è vero che sei anche un calciatore mancato… «Ho giocato fino all’età di sedici anni e non so se poi avrei sfondato o meno. Ero abbastanza coordinato, forse avrei potuto fare il portiere, però. Il passaggio alla pallavolo è avvenuto per caso. Una piccola squadra delle mie parti mi convinse a provare e, giorno dopo giorno, mi sono talmente innamorato di questa disciplina che poi ha riempito vent’anni della mia vita: dall’età di diciotto anni fino a qualche mese fa». «Quella proposta che mi ha stupito» Ma hai definitivamente appeso al chiodo scarpe e completo da pallavolo? «No, al momento non ho una squadra e forse proprio per questo ho accettato questa avventura a Ballando con le stelle. A gennaio, però, se qualche club mi cercherà, sia in Italia che all’estero, valuterò serenamente cosa fare. Anche perché fisicamente sto benissimo». Anni fa Madonna espresse il desiderio di averti come protagonista di una sua coreografia sadomaso. Ne hai parlato con Jesus Luz, suo ex fidanzato e tuo compagno d’avventura a Ballando? «Ma no, anche perché io non parlo inglese e lui sta imparando solo ora qualche parola d’italiano. In realtà, all’epoca non mi contattò mai nessuno direttamente, ma uscì lo stesso questa notizia. Naturalmente mi sorprese non poco e mi strappò una risata, anche se essere frustato da Madonna non era certo in cima alla lista delle mie priorità. Ero in piena attività: andare a fare quella cosa e poi tornare nel mondo sportivo per me non sarebbe stato in ogni caso facilissimo». Il tuo fascino non lascia indifferente nemmeno i maschietti, tanto che sei uno degli uomini più desiderati anche sul fronte gay. Che effetto ti fa? «Quando piaci ai gay, puoi stare sicuro di essere apprezzato anche da tutte le donne e pure parecchio, proprio perché generalmente gli omosessuali hanno una raffinatezza e un gusto più che femminile. Non a caso ho ricevuto avance sia da donne sia da uomini». Ma tua moglie sarà gelosissima… A dire la verità non ci fa proprio più caso, oramai è abituata».

Admission Paper For Sale 4