Francesca Dellera la sua confessione: Il suo amore con Silvio Berlusconi

FrancescaDellera2

A distanza di anni, ecco la verità sulla storia nascosta della bellissima attrice con Berlusconi: «A lasciarlo sono stata io… Lui non era come adesso, pareva meglio. Siccome era ricco e importante, si rovesciò su di me una valanga di invidia crudele». E poi rivela: «Ancora oggi pago un prezzo altissimo…» Finora erano solo voci che si sono rincorse per anni, anzi decenni, senza conferme ufficiali. Si è detto che lei stregò Berlusconi negli anni Ottanta. Che ne fu l’amante e che Veronica Lario scoprì il tradimento, salvo poi perdonare il marito. Ora per la prima volta parla lei, Francesca Dellera: «A lasciarlo sono stata io», dice. «Ero molto giovane, non avevo alcuna esperienza e poi lui non era come adesso, pareva meglio, per me era una cosa di testa, perché nella sua follia non è stupido. E io mi sono trovata preda di una situazione che non avevo cercato. Ma siccome lui era ricco e importante, si rovesciò su di me una valanga di invidia crudele. E poi la gente è meschina, e quella brutta è complessata e capace delle peggiori cattiverie». L’attrice, protagonista di La Carne e di tanti film sensuali, sta preparando una sua autobiografia e ha concesso un’intervista a La Repubblica, lo stesso quotidiano a cui nel 2007 la Lario scrisse quella famosa lettera chiedendo pubbliche scuse a Berlusconi dopo la serata dei Telegatti in cui lui fece complimenti azzardati ad Aida Yespica e Mara Carfagna (“se non fossi già sposato la sposerei subito ). E proprio quando la Dellera fu premiata con un telegatto per La romana (Canale 5, 1988), pare che ci fu grande fermento per fare sedera la Lario lontana da lei. L’attrice parla del suo successo internazionale, dei suoi amori come Christopher Lambert («trasgressivo, libero, anarchico. Ma io sono dispersiva, non sono mai riuscita a far durare i rapporti, me ne stufo presto ») e del suo troppo veloce declino professionale: «Sto pagando ancora un prezzo altissimo perché ho sempre voluto essere libera, non appiattirmi nelle regole di tutti. E certo da ragazza ero impreparata a un successo troppo precoce e stordente». Il primo a parlare di un flirt fra il cavaliere e la Jessica Rabbit d’Italia è stato il regista Tinto Brass, il maestro dell’eros che si innamorò della sua pelle di porcellana e delle forme burrose: «Berlusconi si invaghì della Dellera quando vide una sua foto sul set del mio film, Capriccio. Un giorno le mandò un visone tutto bianco e Francesca chiese consiglio a mia moglie: “Che devo fare?”. Mia moglie rispose: “Prendilo, cara, prendilo”. E lei lo prese».