Emma Marrone: “Con Marco Bocci sto bene”

M Roma- Novembre Ieglio soli che male accompagnati. Deve pensarla proprio così Emma Marrone, almeno a giudicare dalle ultime dichiarazioni che ha fatto al settimanale Grazia: «La mia felicità non dipende dall’essere o no in coppia. Io la stabilità la trovo in me stessa». E ha aggiunto: «Sono diventata più egoista: prima di dare tanto, voglio ricevere tantissimo. Ho imparato a preservarmi e a stare bene anche da sola». Insomma, come recita la copertina del suo ultimo disco, L’amore non mi basta, la cantante pugliese, impegnata fino al 10 dicembre con il suo tour in giro per l’Italia, per ora sembra intenzionata a godersi la vita da eterna fidanzata, senza però rinunciare ai sogni e all’amore. La sua vita privata, in compenso, è costantemente al centro deirattenzione. Prima per la clamorosa rottura con il ballerino Stefano De Martino, neo marito di Belen Rodriguez, e poi per la storia chiacchierata con Marco Bocci. Ma la cantante non ha esitato a dichiarare: «Non farei mai totale affidamento sull’uomo che mi sta accanto, anche se fosse Famore che dura tutta la vita». Un preciso messaggio per Fattore sciupafemmine che, secondo gli ultimi gossip, Favrebbe lasciata addirittura con un sms? Chi può dirlo. Di sicuro c’è che alla domanda sugli attuali rapporti tra lei e Bocci, Emma, a differenza di quanto riportato alla fine dell’estate dai giornali, ha risposto che la storia prosegue: «Per ora stiamo bene, però scriva quello che vuole. Tanto ogni settimana ne esce una nuova». «Potrei diventare una serial killer» Poi, senza censure, ha anche svelato di essere pronta a ricorrere all’inseminazione artificiale pur di diventare mamma: «Sono cresciuta in una famiglia unita e piena di amore. Il fatto di non poter dare ai miei figli lo stesso modello di solidità mi renderebbe infelice. Per questo, se non trovo un compagno del quale fidarmi, ricorrerò a metodi diversi per rimanere incinta. Piuttosto che dare a mio figlio un padre stupido, preferisco dirgli che suo papà è un seme donato». Ma se, al momento, il desiderio di maternità (e forse di emulazione nei confronti di Belen) sembra accantonato, che caratteristiche deve avere l’uomo ideale per attirare la sua attenzione? «Al primo impatto ci deve essere qualcosa nell’aspetto fisico che mi colpisce. Poi, deve prendermi mentalmente o c’è il rischio che mi stufi entro 48 ore. E non deve citarmi Kant o Leopardi», ha svelato la Marrone. Che alla fine ha anche ammesso qual è il suo unico punto debole: la famiglia. «Cerco di proteggere i miei genitori e mio fratello dalle attenzioni dei media e da tutto quello che gira intorno al mio mestiere», ha ammesso Emma. «I giornali possono scrivere di me quello che vogliono, possono calpestare la mia privacy, ma devono lasciar stare loro. Altrimenti posso trasformarmi in un serial killer». Attenzione, dunque. Sono tutti avvisati…