David Beckham: Abbraccia Harper dopo la morte scampata alle Maldive

Scampato alle vacanze da incubo alle Maldive, David Beckham si consola con la piccola Harper Seven, la sua preferita. L’ex calciatore, la moglie Victoria e i cinque figli si trovavano in un resort a cinque stelle quando un’esplosione causata dallo scoppio di alcuni fuochi d’artificio ha sventrato una larga parte della struttura. Un cingalese sarebbe stato trovato morto. Insomma, un viaggio con “fuori programma” a dir poco funesto, per David. Che ritrova il sorriso con ^ultimogenita nata nel luglio 2011, per cui ha letteralmente perso la testa. Con lei il calciatore si “scioglie”. Ma… Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, l’ex centrocampista di Manchester United, Reai Madrid e Nazionale inglese ha molto più tempo libero da dedicare alla prole, una piccola squadra che schiera tra le proprie fila anche i tre maschietti Brooklyn di 14 anni, Romeo di 11 e Cruz di 8. Se però si cronometra il tempo che il bel David passa insieme a ognuno di loro, salta subito all’occhio il pressing a tutto campo riservato alla nuova arrivata. L’unica capace davvero di farlo sciogliere come neve al sole. È diventata ormai una consuetudine, infatti, incrociare i due “innamorati” mentre passeggiano amorevolmente per le strade di Londra o New York. Lui con gli occhi lucidi e il sorriso stampato sul volto, lei vestita all’ultima moda e con l’espressione impunita, tipica di chi è consapevole di essere la regina del reame. Tanto che, stando a quanto raccontano i suoi genitori, a soli due anni e mezzo ha già imposto il suo stile di vita a tutta la famiglia. «Lei si prepara i vestiti ogni sera» «Cambia idea ogni mattina », ha raccontato recentemente uno stupito quanto idolatrante David Beckham. «Nonostante sia ancora ben lontana dal compiere i tre anni, ha già sviluppato una routine ben precisa. La sera, prima di andare a dormire, prepara i vestiti da indossare il giorno seguente. Poi, puntualmente, quando si sveglia non è mai soddisfatta. E se cerco di aiutarla a trovare l’alternativa giusta, scegliendo gli abitini che a me sembrano carini, lei mi guarda, li prende e li rimette dentro l’armadio». Un atteggiamento da vera star che la piccola Harper deve aver ereditato dalla madre Victoria, diventata ormai una stilista molto richiesta. Un motivo in più per David per adorare la bimba più amata e coccolata d’Inghilterra. «Non posso dire di volerle più bene degli altri miei figli», ha spiegato qualche mese fa Beckham in quella che è suonata come una vera e propria confessione. «Il fatto è che avere una bimba femmina è un’esperienza compietamente diversa. I maschi sono più indipendenti e autonomi, lei ha più bisogno del suo papà». E il papà, evidentemente, della figlia, aggiungeremmo noi, visto il legame quasi simbiotico fra i due. Solo per fare un esempio, come lui stesso ha ammesso in questo momento David si sta facendo una cultura sul tema fate e affini leggendo libri su libri dedicati all’argomento preferito della reale principessa di casa. Ma c’è anche un segreto nascosto nelle numerosi doti della piccola Harper Seven in grado di spiegare in modo più convincente il legame indissolubile fra papà e figlia. «Adora il gioco del calcio e correre» Un segreto che è stato svelato al mondo lo scorso ottobre durante uno dei tanti weekend passati in famiglia. Sotto lo sguardo attento dei genitori (David è stato tanto lungimirante da portarsi dietro anche una videocamera), Harper Seven ha siglato il suo primo goal nel corso della partitella organizzata in un campo di calcio californiano alla quale hanno partecipato anche i tre maschietti Beckham. Elegante nelle movenze come il papà, la bimba ha depositato in rete la sfera ed è corsa a raccogliere gli applausi dei suoi familiari-tifosi. «È una bambina molto femminile» si è affrettata a precisare mamma Victoria, «ma al tempo stesso ama il gioco del calcio e adora correre sull’erba indossando magliette e pantaloncini da football». «Chiusa nella torre come Rapunzel» Il padre gongola e già proietta i suoi pensieri nel futuro, forse ipotizzando una carriera nella lega calcio femminile. Un futuro nel quale, prima o poi, sarà costretto a fare i conti con una ragazza a cui non mancheranno certo gli ammiratori. Le sue idee a riguardo sono ben chiare: quando sarà grande abbastanza per essere invitata a un appuntamento galante, non potrà uscire di casa. «Sarà come la mia Rapunzel», ha confermato Beckham. Resterà rinchiusa per sempre nella torre». Ma diciamoci al verità: a questo finto happy ending (“felice” solo agli occhi del geloso papà, peraltro) non crede nessuno. Probabilmente neanche lui.