Clarissa Burt: “Per la carriera io non ho mai aperto le gambe”

Per avere successo non ha mai spalancato le gambe: un motivo di orgoglio per Clarissa Burt, che di recente è stata scelta come madrina del Troisi Festival, prestigiosa kermesse che si è tenuta a Morcone (Benevento). Che cosa ti ha spinto ad accettare l’invito degli organizzatori del Troisi Festival? «Prima di tutto l’amore nei confronti di Massimo Troisi, un uomo speciale con il quale sono stata assieme alla fine degli anni Ottanta. Massimo è stato l’amore della mia vita: come avrei potuto dire di no?». Sono passati diciannove anni dalla morte di Massimo, ma. l’affetto del pubblico è sempre vivo… «Massimo era esattamente così come lo si vedeva. Lui amava far ridere la gente, in maniera semplice e intelligente. Non era mai scontato e non voleva certo apparire a tutti i costi». Il Troisi Festival rappresenta un’ottima vetrina per tanti giovani talenti… ‘«È stimolante per me aiutare i giovani, probabilmente perché quando ho cominciato io a fare questo mestiere nessuno lo ha fatto». Sono stati duri i tuoi esordi nel mondo dello spettacolo? «Sì anche perché quando sono arrivata in Italia (nel 1977, ndr) non avevo soldi e neppure una famiglia alle spalle che potesse sostenermi economicamente». Dev’essere stata dura per te… «Mio padre aveva lasciato la nostra casa e sono quarant’anni che non lo vedo. Con mia madre, inoltre, non avevo un buon rapporto. Ero la più grande di tre figli e non sono potuta andare all’università. Insomma, non avevo altra scelta se non quella di sfondare. E, fortunatamente, mi è andata bene». Che cos’è il successo? «Io non ho mai avuto l’aiuto di nessuno. Per questo, quando mi si chiede cosa sia per me il successo, senza voler essere volgare, rispondo che sta tutto nel fare le cose con le gambe chiuse. E mai nessuno, di fronte a questa mia affermazione, ha mai potuto insinuare che io sia una bugiarda. Posso ringraziare soltanto me stessa e anche chi mi ha offerto delle opportunità». Qualche nome? «Raffaella Carrà, Pippo Baudo, Giancarlo Magalli, Gerry Scotti e Gigi Sabani. Tutti artisti di serie A che sono riusciti ad arrivare in cima grazie anche alla loro correttezza dal punto di vista umano». Per tanti anni la più amata dagli italiani è stadia Raffaella Carrà. Oggi lo è Belen Rodriguez… «Sono andata via dall’Italia nel 2005 e non so molto della Rodriguez. Credo, però, che Belen sia una di quelle che è riuscita a fare carriera con le sue forze…». Molti continuano a chiedersi cosa ti abbia spinto dopo ventotto anni ad abbandonare l’Italia…. «Ho sempre nutrito un grande affetto nei confronti dell’Italia. Nonostante questo, ho deciso di partire quando ho capito che l’economia stava cambiando. Dopo ventotto anni, inoltre, sentivo l’esigenza di una ventata di aria nuova. Infine, mia nonna voleva che tornassi negli States per condividere i suoi ultimi anni di vita». Il matrimonio rientra nei tuoi progetti? «Sto ancora cercando un marito (ride, ndr). Scherzi a parte, a 54 anni credo di essere pronta per il matrimonio. Oggi abbraccerei volentieri l’idea di vivere per il resto della mia vita accanto a un uomo». E un figlio? Ti piacerebbe averlo? «C’è il caso di Carmen Russo che alla mia età è riuscita a diventare mamma, ma so anche che lei per raggiungere questo traguardo ha dovuto sottoporsi a cure molto impegnative. Non credo che in futuro avrò un figlio. Intanto mi consolo con i miei otto nipoti».