Chiara Poggi: La bicicletta di Alberto Stasi non è quella dell’assassino

Aveva davanti un grosso cestello di vimini, o di plastica leggera. Il tipico cestello da donna. E sotto la sella no, non aveva le molle cromate: questo particolare 1’ ho proprio notato perché la signora Franca Ber- mani, la vicina dei Poggi che la mattina del delitto vide una bici nera da donna davanti alla loro villetta, disse che aveva le molle cromate bene in vista. Per questo non ho sequestrato questa bicicletta: perché proprio non c entrava niente con il delitto di Chiara Poggi. Non corrispondeva alla descrizione di Franca Bermani. Questa bici non era a casa degli Stasi, ma era conservata nel negozio di autoricambi del papà di Alberto, chiusa a chiave e con l’allarme attivato. Sono andato a vederla il giorno dopo l’omicidio, insieme con lui, verso le nove del mattino”. Così il maresciallo Francesco Marchetto, carabiniere di Garlasco, rispose al giudice che lo stava interrogando durante il primo processo contro Alberto Stasi. Era il 2009. Dopo cinque anni e due assoluzioni, questa stessa bicicletta è tornata alla ribalta: l’accusa contro Alberto ha voluto infatti portarla in aula per il secondo processo d’Appello, che si sta svolgendo proprio in questi giorni. Dopo sette anni, dunque, la bici nera della famiglia Stasi ha fatto il suo ingresso nel Tribunale di Milano, dove tutti hanno potuto finalmente vedere che il maresciallo Marchetto aveva ragione: non è affatto compatibile con la bici descritta da Franca Bermani, che invece era «una bici nera da donna tenuta bene, senza cestello davanti e con le molle cromate sotto la sella». Questa bicicletta, appena entrata e già evidentemente uscita dal nuovo processo, è la terza sequestrata ad Alberto. Altre due, infatti, gli erano state sequestrate nel 2007. Una color argento, e quindi anch’essa non compatibile con quella descritta, l’altra addirittura da uomo e di colore bordeaux oro. Quest’ultima è stata protagonista dei passati processi. Per l’accusa, infatti, sui -pedali di quella bici c’era il sangue di Chiara Foggi. Ma la perizia eseguita su ordine del giudice Stefano Vitelli lo ha escluso in maniera definitiva. Alberto Stasi non possiede altre biciclette, oltre a queste tre analizzate e sequestrate, ed è l’unico ad aver subito un tale trattamento. Ma se nessuna delle sue biciclette è compatibile con quella vista dalla testimone, se su nessuna di queste biciclette ci sono tracce del delitto e se la testimonianza è attendibile, bisogna dunque escludere il ragazzo dalla lista dei sospettati: un altro motivo per considerarlo innocente. Di chi era dunque la bicicletta nera da donna vista da Franca Bermani in via Pascoli il 13 agosto 2007? Qualcun altro, nella stretta cerchia di amici e parenti di Chiara possiede o possedeva una bicicletta nera? A quanto risulta a Giallo, sì. Una donna molto vicina a Chiara aveva proprio una bicicletta nera da donna di un modello “classico”, simile a quella che pubblichiamo in que- ste pagine. E in quei giorni era in paese. Nessuno potrà mostrare però questa bicicletta alla testimone Franca Bermani, perché i carabinieri non l’hanno mai né vista né sequestrata. E oggi non si sa che fine abbia fatto. Di questa donna, che frequentava assiduamente la casa di Chiara, si sa anche che aveva di sicuro confidato alla ragazza un terribile segreto. Lo si deduce dai documenti e dagli interrogatori di alcuni amici, raccolti subito dopo lomicidio. Un terribile segreto di famiglia. Forse Chiara si era lasciata scappare questo segreto e lo aveva confidato a qualcuno? O forse non lo aveva ancora fatto ma aveva minacciato di parlare e qualcuno ha deciso di farla tacere per sempre? È per questo segreto, che è stata uccisa Chiara Poggi, massacrata a colpi di un oggetto contundente mai ritrovato, e poi buttata in fondo alle scale che portano alla cantina, come se l’assassino avesse voluto “dimenticarsi” di un fatto tanto atroce? Il processo proseguirà ora con l’analisi del capello trovato sulla mano di Chiara e con la ricostruzione della camminata di Alberto. Ma intanto, l’assassino, dove?