Charlotte Casiraghi è diventata mamma di Raphaël: Monaco è in festa

phpThumb_generated_thumbnailjpg

Maschio! Charlotte Casiraghi è diventata mamma di Raphaël, e a Monaco da settimane si sussurrava di un fiocco azzurro, un altro dopo quello appeso al portone del Palazzo il 21 marzo per Sacha, il figlio dello zio Andrea e della sua storica fidanzata Tatiana Santo Domingo. Un bambino, per la gioia di Caroline che il tempo di tre stagioni e si ritrova non solo nonna, ma nonna-bis. Di un nipotino, il secondo, che nessuno avrebbe mai pensato, il pancione di Charlotte la vera sorpresa dell’estate ormai andata, quella storia con l’attore franco-marocchino di origine ebrea Gad Elmaleh, scoppiata che sembrava più un capriccio che un solido futuro, ancora giovane, da rafforzare. E invece la secondogenita della principessa e di Stefano Casiraghi, il brianzolo che fece perdere la testa a Caroline sposandola nel giro di pochi mesi, il 29 dicembre sarebbero 30 anni, ha protetto il nuovo amore dai curiosi, concedendosi la prima apparizione pubblica un anno abbondante dopo l’inizio. L’ha fatto crescere, maturare fino a un magnifico approdo che, in assenza di foto, ci piace immaginare somigliante più a lei che al papà, uomo di charme e di grande presenza, per carità, ma certo non un Adone. Decisa la ragazza nel suo desiderio di formare una famiglia, e d’altra parte nonna Fernanda ce l’aveva detto tempo fa che quando Charlotte mira un obiettivo difficilmente sbaglia il centro: «È una vera Casiraghi, determinata e schiva: quando ha uno scopo in testa puoi star certo che lo raggiungerà, tanta è la tenacia». Raphaël, nome alieno sia ai Casiraghi sia ai Grimaldi e riconducibile agli Elmaleh, nome ebraico per eccellenza, Dio guarisce, è nato la sera del 17 dicembre al Princesse Grace, l’ospedale di Monaco dove sono venuti al mondo tutti i figli di Caroline. Per lui e la mamma una suite riservata dal 20 novembre scorso, 60 metri quadrati divisi tra camera, bagno e salotto dotato di ogni comfort, da ceste di frutta fresca p er gli ospiti a una console per i videogame. Non che se la sia goduta un granché Charlotte, arrivata all’ultimo al nosocomio intitolato alla nonna, diva immortale, dopo aver concluso l’attesa a casa di mamma, Clos Saint-Pierre a po chi passi dal Palazzo e dal Museo oceanografico. Un parto da manuale, stando alle scarne indiscrezioni raccolte, Monaco e la sua Rocca davvero impenetrabili quando si tra tta di carpire qualche segreto dei suoi principi.E anche se Charlotte e il suo bambino principi non sono, Raphaël crescerà come un pascià, coccolato da una nonna che, dicono i monegaschi, non si vedeva così radiosa da anni, e da una mamma che, parola di Gad a People, «sarà la migliore del mondo, perché è molto generosa e affettuosa». Nella stessa intervista, l’attore, pressoché sconosciuto da noi ma una vera gloria in Francia, costantemente in vetta alle classifiche delle star più pagate d’Oltralpe, aveva descritto il rapporto con Charlotte «una storia vera» e regalato un profilo inedito della Casiraghi, il broncio più sexy d’Europa: «È una ragazza molto intelligente con un grande sense o f humour. Con lei si può parlare di filosofia e poi perdersi in scherzi stupidi ». Ancora, aveva confessato il pensiero di metter su casa, per quanto alle spalle abbia un’ex moglie che l’ha reso padre di Noè, oggi tredici anni. Frasi interpretate come un sottinteso annuncio di nozze, ipotesi che Elmaleh ha blandamente smentito al Washington Post ben conscio che, quando sarà, non toccherà a lui ma a sua altezza reale Caroline comunicare il matrimonio della figlia. Caroline che, ammorbidita da Sacha e complice il nuovo pupo, pare aver ormai accolto Gad nel clan, dopo l’iniziale ritrosia frutto del profondo affetto che la legava ad Alex Dellal, precedente fidanzato di Charlotte, della diffidenza per il volubile passato amoroso di Elmaleh e dei 15 anni che lo separano da Charlotte. Perplessità ormai affogate in litri di latte. Raphaël si dividerà tra Parigi e Montecarlo, la Rocca di cui potrebbe diventare un giorno principe, sebbene sia già sesto in linea dinastica e la speranza, seppur smorzata, ancora viva. Dopo averlo soltanto blandido, la Monaco in festa continua infatti ad augurarsi che la prossima volta la cicogna imbrocchi il comignolo centrale del palazzo, dando ad Alberto e Charlene l’erede tanto atteso.