Carmen Russo e Enzo: La prima vacanza da genitori

Io volevo tantissimo diventare madre. Nonostante l’avanzare dell’età (53 anni), avere un figlio era una priorità. Enzo Paolo non ha insistito. Rispettava la mia tenacia, le mie scelte, ma restava un passo indietro, senza fare pressioni. Quando è nata Maria era raggiante. Ma il 19 luglio, davanti alla sua torta di compleanno, leggendo la scritta “Auguri papà”, mio marito era in estasi ». Che cosa ti ha detto? «Avevi ragione tu. La nostra piccola è il regalo più bello che la vita potesse donarmi». Carmen Russo racconta entusiasta la sua prima vacanza da mamma. «Eravamo noi tre al mare, senza aiuti e ce la siamo cavata benissimo. Volevano fare il “battesimo” dell’acqua alla piccola che si è mostrata subito a suo agio, senza alcun timore. I più spaventati eravamo noi…». Di cosa? «Come genitori siamo un po’ apprensivi. “Il sole la scotterà? Avrà paura del mare?”, ci domandavamo durante il viaggio verso Sharm E1 Sheik. Maria ci ha spiazzati: sembrava un pesciolino, ha adorato fare i bagnetti e davanti all’obiettivo di Gente si metteva in posa». La neo mamma è felice come mai prima d’ora. «Da cinque mesi, da quando c’è Maria, la mia vita è ripartita con una marcia in più. A volte la guardiamo, così bella, solare, e ancora non ce ne rendiamo conto. Il percorso è stato lungo, non semplice, ma ne è valsa la pena». Per nove anni Carmen sì è fatta prelevare gli ovociti prodotti, ma solo quelli ritenuti idonei dopo gli esami venivano congelati e conservati. «Ho fatto la fecondazione assistita perché avevo le tube chiuse. Al terzo tentativo, a Barcellona, sono rimasta incinta di questo gioiello». Una bambola che si è “fatta largo” tra voi, dopo 29 anni di coppia esclusiva. «Ci ha uniti ancora di più, anche se, all’inizio, non sono mancate incomprensioni e litigate, soprattutto per la gestione della bimba». E ora? «Molto meglio! Siamo intercambiabili in ogni cosa. Enzo Paolo non vuole perdersi nulla. Anzi: si mette in competizione con me per “primeggiare”. Vivrebbe appiccicato a Maria». E la vostra intimità? «Fino a poco tempo fa era passata in secondo piano. Troppo presi dalla bimba, stanchi e proiettati in questa nuova dimensione. Poi è stato dolce ritrovarsi. È come se, dopo tanti anni, ci fossimo scoperti di nuovo. Essere genitori ci ha resi ancora più interessanti». Maria ascolta e guarda la sua mamma, è deliziosa con il costumino pieno di volani. Carmen, in bikini, tonica e snella come una ragazzina. Svelaci il segreto! «Il mio elisir? Da 20 anni, ogni mattina bevo un limone spremuto, con un grande cucchiaio di miele e un po’ di acqua bollente. A seguire, due buoni caffè. Durante il giorno sto attenta all’alimentazione, curo la qualità del cibo e non eccedo con il vino. Un bicchierino, se in compagnia, è sufficiente». E le tue curve da pin up? «È una vita che faccio ginnastica e ogni giorno mi alleno 30 minuti! Quanto al seno: mi sono concessa un “aiutino” affinché restasse sodo come un tempo. Prima era ancora più esplosivo ma, 6 anni fa, l’ho ridotto: proporzionata mi sentivo più a mio agio. Quando l’età avanza c’è bisogno di coerenza e buon gusto. E di poche ostentazioni ». Enzo Paolo guarda sua moglie e annuisce. Siete gelosi? «Certo! Io perché sono convinta che mio marito sia un uomo raro. Dolce, premuroso, gentile come pochi. E lui perché ricevo ancora parecchi complimenti. Ma, soprattutto, Enzo lo è dei “tipi” che potrebbero piacermi. Per esempio: se gli nomino Antonio Banderas cambia epressione. Sa che per lui andrei a impastare biscotti e a fare la contadina al Mulino bianco».