Calciomercato Napoli: Criscito, stavolta si può

Il penultimo giorno dell’anno consegna al Napoli di Benitez una sola certezza, quella che il tecnico spagnolo rilancia attraverso il suo sito ufficiale: «La notizia più lieta del giorno è il ritorno nel gruppo di Marek Hamsik . E’ il modo migliore per festeggiare la fine dell’anno e tornare a lavoro nei prossimi giorni». Tutti a casa per altri due giorni di riposo, il gruppo si ritroverà tutto quanto intero il 2 gennaio, quando a Castelvolturno si rivedranno anche i sudamericani. Hamsik, invece, già c’è e tornerà in campo contro la Sampdoria il 6 gennaio, De Laurentiis pronto a investire sul terzino dello Zenit dopo 57 giorni dall’ultima volta da titolare: Juventus-Napoli 3-0. Ma il 6 gennaio è anche l’Epifania, il giorno giusto per infilare nella calza di don Rafé qualche regalo firmato Aurelio De Laurentiis . Il primo dono dovrebbe prendere le fattezze di Luca Antonelli . Se ne parla da tempo, l’accordo tra Napoli e Genoa è chiuso per una cifra vicina ai 6 milioni di euro. Conferme arrivano anche dal padre-agente dell’esterno mancino, l’ex milanista Roberto Antonelli. «Un po’ di tempo fa c’è stato un approccio, ma – ha raccontato a Radio Crc – al momento non c’è nessuna trattativa ufficiale». Il papà-manager è anche tornato su quei rumors di un Antonelli restio. «Mio figlio è un professionista serio, dire che non vuole venire a Napoli perché pensa alla Nazionale è una baggianata. Non si può rifiutare una piazza importante come Napoli. Da parte nostra non ci sono pretese particolari, il problema è capire se il Napoli sia veramente interessato a Luca e se le due società trovino l’accordo. Quello azzurro è un sodalizio importante, uno dei migliori d’Italia e d’Europa». Il nodo resta, appunto, quello dell’interesse reale del club partenopeo. ECCO MIMMO Infatti, sempre nella giornata di ieri è rispuntato il nome di un altro esterno sinistro, napoletano di Cercola: Mimmo Criscito . Il difensore vuole chiudere la sua esperienza allo Zenit, iniziata nel giugno del 2011, poco dopo esser sfumato il suo passaggio dal Genoa al Napoli. La voglia di azzurro è rimasta inalterata, anche se c’è da superare l’ostacolo dell’ingaggio: 2,3 milioni di euro. Ora anche De Laurentiis è pronto a quel sacrificio economico per assicurarsi un calciatore che può giocare da terzino sinistro e da centrale, che ha quelle caratteristiche di rapidità Il primo colpo dovrebbe essere Antonelli. Frenata Gonalons, resta aperta la pista N’Koulou. Intanto si rivede Hamsik e tecnica perfette per stare accanto ad Albiol o per fare il quarto a sinistra. Il problema è il costo del cartellino, perché lo Zenit è agli ottavi di Champions e non vende per meno di 12-15 milioni. La trattativa è iniziata e Criscito ha già discusso del progetto tecnico con Benitez, chiudendo la conversazione con un largo sorriso: fondamentale potrebbe essere il desiderio del centrale di tornare in Italia a poco più di 6 mesi dal mondiale. Sempre per la difesa, il nome di Nikolas N’Koulou resta il più praticabile. Il suo agente, Maxime Nana , è in contatto con Maurizio Micheli , il plenipotenziario del Napoli sul mercato francese, con il ds Bigon in attesa di novità. Sempre meno sono le speranze di vedere Agger e Mascherano in azzurro, mentre Astori resta l’opzione da spendere anche a fine mercato. Battuta d’arresto, almeno formale, per la pista più calda per la mediana, quella che porta a Maxime Gonalons . In mattinata i media francesi avevano dato per chiuso l’affare, ma il presidente del Lione Aulas, a Rmc , frena gli entusiasmi: «Su Gonalons non ci sono novità». Stessa frase ripetuta in mattinata dall’agente del calciatore Frederic Guerra e dall’intermediario della trattativa, Fabrizio Ferrari . VICE PIPITA In attacco, si studia la soluzione per il vice- Higuain : anche perché dall’Argentina arrivano pressanti richieste per avere Duvan Zapata in prestito. Il colombiano ha già indossato due maglie in stagione, quella dell’Estudiantes e quella del Napoli: secondo le norme Fifa non può indossare una terza divisa. C’è, però, una deroga, prevista dalle norme internazionali. Zapata può esser ingaggiato, anche in prestito, da un club che disputa, nel mese della cessione, una stagione calcistica diversa da quella dei primi due trasferimenti, in un momento dell’anno non coincidente con quello del precedente trasferimento. In Argentina sta per iniziare il Torneo Final, considerato dalla Fifa campionato a parte dopo la chiusura del Torneo Inicial. E diversi sono i club, dal Racing al San Lorenzo, che hanno già chiesto Duvan al Napoli in prestito fino giugno.