Calciomercato Juventus: Kempf, futuro bianconero

In due hanno 44 anni, in comune hanno la predisposizione ad agire in difesa seppur in ruoli diversi, insieme condividono la nazionalità tedesca. E chissà, magari un futuro alla Juventus a stretto giro di posta. Almeno per ciò che riguarda Marc-Oliver Kempf , 18 anni, difensore centrale di prospettiva tanto da essere già un punto fisso dell’Under 19, l’avvenire promette bene. L’altro “indiziato” si chiama Andreas Beck , 26 anni, in scadenza di contratto: Pressing sul giovane difensore: può arrivare subito. Si studia Beck per il ruolo di terzino il club bianconero l’ha seguito più volte, il giocatore è gradito però la scintilla non è ancora scoccata. Per Kempf, invece… OBIETTIVO EINTRACHT A Francoforte, nell’Eintracht, sta nascendo una delle stelle della new wave germanica. Il suo luogo d’elezione è il cuore del reparto arretrato, anche se raccontano di una predisposizione – in caso di necessità – a destreggiarsi pure da mediano davanti alla difesa. Kempf sinora ha messo insieme soltanto una presenza nel campionato di una squadra relegata al quart’ultimo posto in Bundesliga, ma sul futuro piovono sensazioni positive. Perché a Beppe Marotta sono giunte relazioni molto interessanti sul calciatore: piedi buoni, ottima visione di gioco, sicura padronanza nei propri mezzi, certamente da sgrezzare ma con potenzialità decisamente notevoli. Si tratterebbe di un’operazione da 5 milioni complessivi, così suddivisa: prestito da 500 mila euro e successivo riscatto fissato a 4,5 milioni. L’idea, concordata fra le società, racchiude in sé la possibilità che Kempf – sotto contratto fino al 2015 – resti in Germania sino al termine della stagione, prima di abbracciare il mondo bianconero. In alternativa, però, il giocatore – nel mirino bianconero sin dall’estate – potrebbe sbarcare subito in Italia, soprattutto se i campioni d’Italia riuscissero nell’intento di piazzare qualche cessione entro la conclusione della finestra invernale del mercato. L’affare farebbe tutti contenti, anche in considerazione Stabilita la formula per assicurarsi il centrale dell’Eintracht: prestito con diritto di riscatto per 5 milioni complessivi dell’alleanza stipulata a suo tempo tra i bianconeri e l’Eintracht sul piano commerciale: lo sponsor Fiat, in questo senso, è presenza determinante. «La partnership sportiva con la Juventus è una possibilità da considerare – ha rivelato il ds Bruno Hübner -. Loro tengono d’occhio la nuova generazione tedesca? Lo so benissimo». IDEA HOFFENHEIM Non potrebbe subito fregiarsi della titolarità, ma per Kempf crescere sull’esempio della muraglia juventina sarebbe un’occasione da non mancare. Il discorso cambierebbe per Beck, eclettico terzino già formato e che a giugno si svincolerà dall’Hoffenheim. Marotta lo “punta” da due anni e mezzo e, dopo aver incassato un primo rifiuto a suo tempo, potrebbe tornare un obiettivo caldo. Anche se, nella scelta fra i due, il club bianconero non avrebbe dubbi: meglio il giovane Kempf, da svezzare a Vinovo. TRA ITALIA E SPAGNA Ma la politica di ringiovanimento della rosa dei campioni interessa anche l’Italia. Al netto del destino di Manolo Gabbiadini , che a 22 anni chiuderà la stagione alla Sampdoria (che detiene metà cartellino) e poi dovrebbe rientrare a Torino, la Juve non molla alcuni giovani in orbita Atalanta: il regista Daniele Baselli , 21 anni, azzurrino per meriti propri e potenziale bianconero, oltre al coetaneo Davide Zappacosta , cresciuto nel verde di Zingonia e il cui cartellino è gestito dai bergamaschi e dall’Avellino, e al 24enne esterno Giacomo Bonaventura . Zappacosta è un terzino destro, abile ad avanzare sugli esterni, che sta facendo le fortune della squadra campana. L’Italia, dunque, sotto osservazione, ma pure la Spagna, dove il 21enne attaccante Alvaro Morata non rinnova col Real Madrid e nel 2015 andrà in scadenza (piace pure all’Inter). Obiettivi da portare a casa a giugno, ma è ora che la Juve sta ponendo le basi per il colpo.