Calciomercato Inter: Lamela vuole i neroazzurri

Lamela

Alla fine, Piero Ausilio non si è concesso “carrambate” a White Hart Lane per vedere il Tottenham di Lamela , ma ha confermato le intenzioni della vigilia presentandosi con i figli a Stamford Bridge per Chelsea-Liverpool. Occasione ghiotta per riallacciare i rapporti con i dirigenti in Blues per Fredy Guarin : José Mourinho avrebbe confermato che il giocatore interessa al Chelsea però l’operazione, per come è stata impostata, presenta un esborso eccessivo anche per un club ricco quale è quello di L’argentino sempre più arrabbiato: ieri solo 15 minuti col Tottenham Roman Abramovich . A tal proposito, pesa come un macigno la richiesta avanzata da Marcelo Ferreyra , procuratore del colombiano, pari a uno stipendio di 5 milioni, più del doppio dei 2 milioni e duecentomila euro che Guarin percepisce all’Inter. Le file della trattativa verranno riprese a inizio gennaio quando Ferreyra farà ritorno dal Sudamerica e ricomincerà a volare tra Londra e Milano per fare quadrare i conti dell’operazione. L’Inter sa che, qualora Guarin non dovesse trasferirsi in Premier, dovrà rinnovargli il contratto in scadenza nel giugno del 2016 con annesso sostanzioso ritocco d’ingaggio, un altro buon motivo per “tifare” Mourinho. Perché è vero che il colombiano è uno tra i pochi giocatori di respiro internazionale che l’Inter ha in rosa, ma è altrettanto vero che la sua anarchia tattica e la tendenza a prendersi troppe pause in campo non hanno mai convinto in pieno Walter Mazzarri . Il quale deve anche fare di necessità virtù: in base ai severi parametri finanziari imposti da Erick Thohir sa che il rinforzo richiesto al neo presidente (ovvero una seconda punta in grado di garantire un buon numero di gol), arriverà soltanto a fronte di una importante cessione. IL DISAGIO DI LAMELA Dopo aver fatto chiarezza sulla situazione di Lavezzi a Parigi, la tre giorni londinese di Ausilio è servita per capire bene quale sia l’orientamento del Tottenham per Lamela. Questi contro lo Stoke ha giocato soltanto l’ultimo quarto d’ora quando la partita era ormai archiviata (è entrato sul 3-0 per i padroni di casa) e, a fine gara, ha espresso tutto il suo disagio a Ma guarda ai nerazzurri anche il deluso Mata, escluso da Chelsea-Liverpool: «Non mi era mai accaduto». Lo spagnolo potrebbe arrivare in cambio di Guarin Walter Sabatini , ds della Roma nonché l’uomo che l’ha portato in Europa, per una situazione che mai aveva vissuto nella sua vita. Il fatto che neanche con il nuovo allenatore (Tim Sherwood ) Lamela riesca a trovare spazio, dà forza alla strategia messa a punto dal padre José con Pablo Sabbag , procuratore del ragazzo, che mira a un prestito che possa “salvare” la convocazione ai prossimi Mondiali. Un’ipotesi che – al momento – non vuole nemmeno sentire Franco Baldini, per cui cedere Lamela rappresenterebbe un fallimento dato che è stato l’acquisto che ha più sponsorizzato dopo il suo sbarco in Inghilterra. A questo va aggiunto che il Tottenham, per non fare una minusvalenza, dovrebbe fissare il riscatto su Lamela a 27 milioni, dato che l’Inter mai accetterebbe un prestito secco. PURE MATA CHIAMA Discorso simile per Juan Manuel Mata , che il Chelsea potrebbe inserire come contropartita per Guarin. Lo spagnolo, nel match vinto dalla squadra di Mourinho contro il Liverpool, non ha addirittura messo piede in campo e poi si è sfogato: «Per me è una situazione nuova che non ho mai vissuto prima nella mia carriera. Devo essere forte, positivo perché sono un professionista e devo pensare solo a fare bene. Ovviamente, io amo giocare, ma al Chelsea ci sono molti giocatori di qualità…». Un’apertura importante verso un’eventuale partenza. L’Inter ha altre priorità (ovvero Lavezzi in primis, quindi Lamela dato che il primissimo della lista, ovvero Jovetic , è incedibile per il City), ma le vie del mercato, soprattutto a gennaio, sono molto tortuose e l’ipotesi di uno scambio Mata-Guarin potrebbe rivelarsi quella più economicamente conveniente per i nerazzurri. Non va dimenticato – a tal proposito – che quando Mata giocava ancora nel Valencia il padre Juan Manuel venne ospitato a San Siro e quindi invitato a cena da Marco Branca . Come dire, certi amori non finiscono…