Brahim Zaibat: La passione che ha conquistato Madonna

http://lalalia.com/?p=cheap-paper-writing-service By on 16 dicembre 2013
brahim-zaibat-le-nouveau-coup-de-coeur-de-image-391398-article-ajust_930

next E’ diventato famoso in tutto il mondo per la sua storia d’amore con la star mondiale della musica pop Madonna con la quale fa ormai coppia fissa da diverso tempo il modello, ballerino, coreografo e stilista Brahim Zaibat, legatissimo fin da piccolo all’ambiente hiphop e breakdance. Inoltre insieme con la sua compagnia di danza, la Crew Pokemon, ha partecipato a diversi concorsi e collaborazioni: nel 2004 ha lavorato alla prima stagione di “Sii… Sì!” e nel 2006 a “C’est ga la vie?”, ovvero lo spettacolo d’apertura della Biennale di Danza di Lione. Nel 2005 Brahim ha ballato nel prestigioso programma “Star Academy” sotto la direzione del coreografo Kamel Ouali. Lo stesso anno ha vinto la sessione di Freestyle a Seoul (Corea del Sud), con Lilou. Ma queste sono solo alcune delle sue prestigiose collaborazioni! Nella sua carriera di modello ha lavorato per riviste di riferimento a livello mondiale come “V Magazine” e ha recentemente sfilato alla “Mercedes-Benz Fashion Week” di New York per Jeremy Scott. Ha di recente anche lanciato una sua linea di abbigliamento, particolarmente apprezzata dai giovanissimi che sognano un giorno di poterlo emulare. Giunto in Italia con un jet privato e scortato da una decina di guardie del corpo per l’esclusivo evento con entrata su invito “Tornei International Vip Party” organizzato lo scorso 31 Ottobre dai fratelli Luca e Luigi Tornei, proprietari di una casa di produzione cinematografica, presso la splendida cornice del Teatro Centrale di Roma, ha trascorso il suo tardo pomeriggio romano facendo prove con eccellenti ballerini in vista della sua esibizione prevista do una veloce intervista in diretta alla signora della televisione italiana Barbara D’Urso nel suo seguitissimo “Pomeriggio Cinque”. Ed è proprio poco prima della sua acclamata esibizione serale che abbiamo avuto modo di scambiare quattro chiacchiere con lui nel suo camerino in compagnia del suo staff e del modello Antonio Cocomazzi. E’ mezzanotte quando ci apprestiamo a realizzare l’intervista. “Nessuna domanda sulla sua relazione con Madonna”, è questa la condizione fondamentale per riuscire a intervistarlo, ci dichiara il suo staff. Brahim, la danza, come hai dichiarato più volte, è la tua vita, ma quali sentimenti provi quando balli? Quando ballo, al di là di dove mi trovi, io provo mille sentimenti, dalle più svariate sfumature. In sostanza quando ballo io riesco ad esternare ogni mia sensazione e ogni mio stato d’animo, sia positivo sia negativo, quindi sia gioia sia tristezza, tanto per capirci. Credi che la tua arte ti abbia aiutato a crescere, oltre che dal punto di vista professionaie e lavorativo, anche come persona? Indubbiamente sì dal momento che l’arte in generale, non solo la danza, ti aiuta a crescere in ogni campo o settore. In più, come ti ho già detto chiaramente poco fa, quando ballo io mi esterno totalmente e pertanto manifesto non solo a me stesso ma anche a chi mi sta guardando in quel momento chi sono davvero e quali sono i miei sentimenti, anche quelli più profondi. A proposito dei sentimenti, chiudi per un attimo gli occhi: quale colore assoceresti a te stesso e al tuo modo di essere? Ne assocerei due, ovvero il bianco e il nero. Diciamo che rappresentano bene sia la mia anima più spensierata sia quella più profonda. E alla parola danza? Se dovessi dirti un colore lo vorrei vedere legato alla passione, quindi potrei dirti il rosso, dal momento che per me la danza è in primis questo oltre che musica allo stato puro. In sostanza io non riuscirei a vedere distaccate le due arti e a immaginarle distinte sebbene sia in grado anche di ballare senza musica, o meglio senza che sia acceso un impianto audio, dal momento che io la musica ce l’ho sia nella testa sia nel cuore. Credi quindi che sia possibile e reale un legame più stretto con varie tipologie di arti talora anche molto differenti tra di loro? Assolutamente sì e anzi ti dirò di più: auspico che sempre più spesso si vogliano unire più arti possibili con il preciso scopo di regalare a se stessi e al grande pubblico qualcosa di veramente bello e magico!

http://e-daidalos.com/?p=i-do-my-homework-on-sunday