Brad Pitt: “Il matrimonio? No, sono i calli a tormentare Brad”

brad-pitt_650x447

La vita degli attori di Hollywood non sempre è paragonabile a una serena passeggiata su un soffice tappeto rosso. Le ore passate sui set, rispettando ritmi impossibili, spesso lasciano segni duraturi, e non solo in senso figurato. Tra incidenti, passi falsi e figure poco edificanti, numerose star del cinema hanno pagato dazio verso un mestiere capace di trasportarli in un attimo dalle… stelle alle stalle. L’ambiente più adatto per ricordare agli spettatori di tutto il mondo che, in fondo, anche loro sono esseri umani. L’ultimo a rispettare questa legge non scritta del mondo di celluloide è Brad Pitt, di cui si parla tanto per le attese nozze eternamente rimandate con Angelina Jolie. Ma pochi sanno che il pensiero principale dell’attore ora è un altro. Pitt, impegnato nelle riprese di Fury, film diretto da David Ayer e ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale, costretto dal copione a trascorrere quindici ore al giorno in mezzo al fango, nei campi gelati e umidi e persino in una foresta, si è ritrovato con dei banali quanto dolorosi calli ai piedi, che hanno richiesto l’intervento di uno specialista, viste le loro condizioni “pietose”. Ma Brad non è nuovo a episodi del genere: mentre girava Troy, nel quale interpretava l’eroe Achille, subì un infortunio in una scena d’azione strappandosi proprio… il tendine d’Achille. Acqua bollente nel costume da bagno Un sorriso lo strappa anche il sex symbol Channing Tatum, ammirato sul grande schermo nei panni dello spogliarellista Magic Mike, che durante le riprese del nuovo film The Eagle of The Ninth si è bruciato niente meno che l’organo genitale. A causa delle temperature bassissime sul set, l’unico modo per riscaldare gli attori infreddoliti era versare acqua tiepida sotto i loro costumi da bagno. L’errore di Channing è stato dimenticarsi di diluire l’acqua bollente con quella fredda, con conseguenze facilmente immaginabili. Rischio infuocato anche per Jude Law nei panni del Dr. Watson nel film Sherlock Holmes: l’attore londinese per poco non finiva abbrustolito per colpa dell’esplosione accidentale di un’autocisterna. Pericolo scampato anche per Johnny Depp che è caduto da cavallo durante una scena di Lone Ranger ed è stato colpito dall’animale con un calcio sul torace. Tanto spavento e un livido ben visibile sono stati per fortuna le uniche conseguenze dell’incidente. Molto imbarazzante è stato anche quello occorso a Hilary Swank durante le riprese di P.S. I love you: impegnata in un sensuale spogliarello durante una scena d’amore con il collega Gerard Butler, l’attrice è stata ferita alla fronte da una giarrettiera che si è rotta propria sul più bello. L’incontro di passione fra i due è finito quindi con una corsa all’ospedale e qualche punto di sutura. Molto più sensuale invece l’ex vampira di Twlight Kristen Stewart, che sul set di Sils Maria ha involontariamente concesso ai membri della troupe e agli immancabili paparazzi un’occhiatina al suo striminzito perizoma. Dopo una scena a mollo in un lago al fianco dell’attrice Juliette Binoche, infatti, la Stewart è uscita dalle acque indossando dei pantaloncini bianchi che facevano più che intravedere la sottostante mutandina dalle misure striminzite. Ma lo scettro dell’incidente più buffo se lo aggiudica il divertente attore Ben Stiller (e chi sennò?) che durante le riprese di E alla fine arriva Polly è stato morso da un temibile e cattivissimo furetto. «Si è attaccato al mio mento e non lo lasciava più. E stata un’esperienza terribile», ha dichiarato l’attore newyorkese che per esigenze di copione teneva il piccolo animale in braccio. Innumerevoli infine i danni fisici riportati dagli attori durante scene particolarmente violente: dalla rottura della vertebra cervicale di Sylvester Stallone per uno scontro troppo acceso con il wrestler Steve Austin in The Expendables, alle costole fratturate di Nicole Kidman in Moulin Rouge e dell’ “elfo” Orlando Bloom in II Signore degli Anelli – La Compagnia delVAnello; dalla frattura del dito del piede di Hugh Jackman nei panni di Wolverine, al braccio rotto di Halle Berry in Gothika. Niente a che vedere però con i due “reduci” del set, Russell Crowe e Jim Caviezel. Il primo, interpretando II Gladiatore, si è fratturato piede e anca, si è slogato una spalla e ha riportato ferite su bicipite e viso; il secondo, nei panni di Gesù in La passione di Cristo, ha subito vere frustate, ha sofferto di ipotermie, si è lussato una spalla portando la croce ed è stato addirittura sfiorato da un fulmine. Come dire: Ciak, (la fortuna) si gira.