Bonolis e Scotti: Insieme a condurre Avanti un’Altro

La notizia doveva restare segreta, ma è troppo ghiotta per non trapelare dagli ambienti televisivi: nella prossima stagione a condurre il game show di Canale 5 Avanti un altro! saranno Paolo Bonolis e Gerry Scotti, insieme per la prima volta. Le trattative per la “grande alleanza” sono ancora in corso. Eppure, secondo gli addetti ai lavori, andranno certamente in porto. Il progetto è di surclassare lo spettacolo concorrente di Raiuno, L’eredità, che con Carlo Conti o con Fabrizio Frizzi ha sempre vinto la gara degli ascolti. Un risultato che, in tempi di crisi e con la difficoltà di realizzare una proficua raccolta pubblicitaria, apre la via a una sfida senza esclusione di colpi. D’altra parte, la formazione di quella che già viene definita “la strana coppia” è stata sancita dagli stessi protagonisti durante l’ultima puntata di Avanti un altro!, che li ha visti insieme in un clima affettuoso. Dopo aver ringraziato Paolo per avergli dato modo di fare un’esperienza «nuova e molto divertente», Gerry si è lasciato sfuggire una frase rivelatoria: «Può darsi che in autunno io sia ancora qui… dipende dall’azienda». Mentre Bonolis, con aria sorniona, replicava: «Ci sarai, ci sarai». Lo scambio di battute è la conferma di una nuova svolta nella conduzione del game show, unendo due personaggi diversi tra di loro che potrebbero diventare complementari e dare del filo da torcere alla concorrenza. I conduttori Rai si sono sempre imposti per il loro stile misurato, in contrapposizione con quello informale e caciarone di Bonolis, a volte poco apprezzato | dal pubblico più tradizionalista. Un ostacolo, questo, che potrebbe essere rimosso dalla presenza equilibrante di Scotti. L’idea della doppia conduzione è nata per caso. In primavera, Bonolis è stato sostituito dal collega lombardo che, inizialmente, è stato accolto piuttosto freddamente dal pubblico e dalla troupe. Luca Laurenti, fuori dal ruolo storico di “spalla” dell’amico Paolo, appariva spaesato. E anche le due bellissime del cast la “bonas” Paola Caruso e la “supplente” Claudia Ruggeri non avevano con Gerry quella complicità maliziosa, tipica del precedente rapporto con Paolo. In quel simpatico baraccone creato da Bonolis, insomma, Scotti sembrava un pesce fuor d’acqua. il flop pareva inevitabile quando, puntata dopo puntata, la professionalità e l’intelligenza di Gerry nel sapersi adeguare al clima scapigliato dello show, senza perdere la sua personalità, hanno avuto la meglio. Ha cominciato a usare improbabili parrucche come Paolo, accettando col sorriso qualche doppio senso per lui insolito. Mentre è rimasto irremovibile nell’evitare di mimare le figure del Kamasutra con Jurgens, ospite fisso del programma, in certi siparietti che solo Bonolis, col suo gusto per l’eccesso, poteva azzardarsi a proporre. E alla fine lo show ha ripreso quota, conquistando anche parte di quella fascia di pubblico affezionata a Carlo Conti e a Fabrizio Frizzi. Da questo risultato è nato un originale progetto in cui, nell’impossibilità di “bonolizzare” Gerry e di “scottizzare” Paolo, si è pensato di affiancarli. L’unione di due stili agli antipodi potrebbe crearne uno nuovo in grado di appagare la voglia di ridere della gente, con una frenata, però, a certe gag al limite della volgarità. È facile immaginare che la strana coppia del piccolo schermo si rifarà a quella rimasta nella storia del cinema composta da Jack Lemmon e Walter Matthau, nel film tratto dalla commedia di Neil Simon. Un tocco di classe nel grande circo, insomma, che, dal confronto delle diverse umanità dei conduttori, uniti dallo stesso senso dell’umorismo, trae nuovi spunti per fare un nuovo spettacolo. Ovviamente, per realizzare un progetto così innovativo c’era bisogno di personaggi straordinari come Bonolis e Scotti. I due sono uniti da stima e amicizia reciproche, non offuscate dalla rivalità, e hanno entrambi la maturità necessaria per non perdersi in invidie e dispettucci. A scommettere e sulla vittoria della strana coppia sono in molti. Prima tra tutti la moglie di Paolo, Sonia, che col suo fiuto infallibile – consiglia sempre al meglio il marito. Forse l’unico a patire di un certo disagio è Laurenti, da sempre abituato a essere l’altra faccia di Bonolis, che potrebbe sentirsi, per così dire, spodestato da Gerry. Ma non deve temere perché, comunque, lui conserva un ruolo importante in cui, oltre alla sua comicità surreale, può dimostrare le sue notevoli doti di cantante. Luca è un artista con il cuore da bambino che osserva con arguzia il mondo degli adulti, i quali – nei panni di Paolo e dello zio Gerry – non gli faranno mai mancare l’apprezzamento e tanto affetto.

1 Comment

  1. angelo

    28 giugno 2014 at 21:31

    sono proprio contemto