Ballando con le Stelle, Simone di Pasquale: “Lea T non mi mette a disagio, potrei innamorarmene”

Lea T

La sua avventura in televisione è iniziata a passo di danza al fianco di Hoara Borselli e, da allora, per Simone Di Pasquale si sono aperte le porte del mondo dello spettacolo. Anche in questa edizione di Ballando con le stelle, Di Pasquale toma a essere protagonista in coppia con Lea T, il personaggio più chiacchierato del programma. Simone, oltre alla Tv, sei impegnato sulle navi da crociera. Ci racconti qualcosa del tuo nuovo spettacolo? «Lavoro spesso sulle navi, organizzando eventi legati al ballo. Lo spettacolo che propongo in questo periodo si chiama Ballando con il tuo personal dancer e il meccanismo è quello di Ballando con le stelle. La sera in cui si parte si tengono le audizioni tra i passeggeri, che vengono “accoppiati” con i vari personal dancer. Durante la settimana di navigazione, si preparano per la serata finale in cui si svolge la vera gara, che decreterà la coppia vincitrice». «La mia preferita? Hoara Borselli» Dopo tanti anni, ti diverti ancora a partecipare a Ballando con le stelle? «Ogni volta mi diverto come se fosse la prima, perché ho sempre una partner diversa ed è una bella sfida riuscire a trovare la giusta sintonia per ballare. Negli anni, ho imparato molto dalie donne con cui ho fatto coppia in Tv». Che rapporto hai con Milly Cariucci? «È impossibile ave re un cattivo rapporto con lei. È una grande professionista, che sa trattare le persone in modo corretto. Tra noi è nata una bella complicità». Qual è stata la partner con cui hai avuto una maggiore intesa? «Ogni donna che ha ballato con me è stata importante, ma se devo scegliere dico Hoara Borselli, perché è stata la prima e insieme a lei ho iniziato questa meravigliosa esperienza in Tv, che dura tutt’ora». «Ita di noi c’è molta complicità» Sei stato spesso al centro della cronaca rosa per ipotetici flirt con le tue compagne di ballo. Cosa c’è di vero? «Tra me e le mie partner sono nate solo delle belle amicizie. A volte in Tv ci abbiamo giocato su e il pubblico ha sognato con noi, ma mi sono limitato a creare una grande alchimia professionale». Venendo al presente, come ti trovi con Lea T, tua partner in questa edizione? «Quella di quest’anno è un’edizione che sto vivendo con grande intensità, perché Lea è una persona fantastica. Vivo le giornate di prove che trascorro con lei con molto entusiasmo e complicità». Sicuramente è il personaggio più chiacchierato di quest’anno, come vivi la situazione? «Purtroppo, siamo condizionati da luoghi comuni, frasi fatte e retaggi culturali sorpassati. Spero che Lea riesca a spingere il pubblico ad andare oltre gli schemi mentali che la società ci ha imposto. Lei è molto più normale di quanto si possa immaginare. La stimo, perché ha fatto una scelta importante, che le ha provocato ripercussioni sia fìsiche che relazionali. Ha sempre fatto una vita da top model, ma adesso si sta “rimettendo in carreggiata”, seguendo un’alimentazione più corretta e andando a dormire presto. Regole fondamentali per il mondo del ballo». Ti potresti innamorare di una donna con un passato come quello di Lea? «È solo una questione mentale. Lea è una donna a tutti gli effetti e non percepisco alcuna differenza o disagio. Se una persona non si trova bene nella sua condizione o nel suo corpo, è giusto che cambi identità per vivere più serenamente». In questo periodo sei innamorato? «Sono single, ma per fortuna sono circondato da tante belle persone. Al momento non ho una compagna, ma credo che prima o poi arriverà». «Vorrei danzare insieme a Milly» Quali sono i vantaggi delPessere single? «Ti aiuta a conoscerti un po’ meglio. Poi, sono autonomo e faccio quello che voglio, senza dover rendere conto a chi mi sta accanto». Che qualità deve avere una donna per attraiti? «Mi intrigano quelle che hanno carattere, dotate di una loro indipendenza e che si pongono degli obiettivi. Amo le persone “vive”, che non si nascondono dietro a inutili filtri, ma che si mostrano agli altri per quelle che sono. Una ragazza può essere la più bella del mondo, ma se non ha personalità è poco più che un soprammobile». Torniamo a Ballando con le stelle: chi ti piacerebbe affiancare in una delle prossime edizioni? «Una persona che riesca a lasciarmi qualcosa di bello e importante, come è accaduto con le partner che ho avuto sino a ora. Mi piacerebbe ballare con Milly, per farle vivere da protagonista le emozioni che provano i concorrenti del suo programma e che lei ha vissuto solo di riflesso».