Asus Transformer Pad TF701T: Recensione e caratteristiche tecniche

In due anni Asus ha sfornato cinque generazioni di Transformer Pad: dairoriginario TF101 con processore Tegra 2 presentato a marzo 2011 si è giunti a dicembre 2013 con il TF701T, basato sul potente Tegra 4 e su un notevole display con risoluzione di 2.560 x 1.600 pixel. I tratti caratteristici della serie sono rimasti immutati, come la dimensione di 10 pollici e la tastiera meccanica staccabile, imitata da molti e che ha dato il via a nuovi fattori di forma. La tastiera/dock, compresa nel prezzo, è un efficace ausilio per il lavoro e la produttività in genere, trasformando di fatto un tablet “puro” in un piccolo computer portatile. Anche l’estetica ha conosciuto cambiamenti marginali e inizia ad accusare il peso dell’età. La spessa cornice intorno al display dà al TF701T un’aria da prodotto economico, mentre il peso di 580 grammi (tastiera esclusa) inizia a diventare considerevole considerando i prodotti più moderni. Il TF701T va a sostituire il Transformer Pad Infinity TF700 e diventa il nuovo prodotto di punta di Asus. È un tablet di fascia alta e i risultati dei benchmark e la qualità del display tolgono ogni dubbio. Quest’ultimo è un componente a cui è proprio difficile restare indifferenti: è costruito con tecnologia Igzo, come il pannello dell’iPad Air, e ha una nitidezza impressionante per il mondo Android. La risoluzione di 2.560 x 1.600 pixel è tra le più alte per un 10 pollici ed è persino superiore a quella del nuovo iPad; rispetto a quest’ultimo i colori appaiono un po’ meno realistici ma comunque molto vivaci, gli angoli di visione sono molto elevati e la luminosità è persino eccessiva al valore massimo. La protezione in vetro tende a riflettere visibilmente la luce ambiente, problema comune a molti altri concorrenti. L’elevata risoluzione viene gestita in modo trasparente dal sistema operativo Android e gli elementi sullo schermo come le icone appaiono della consueta grandezza (ma sono più definite). Il processore Tegra 4 è dotato di quattro core Arm Cortex A15 funzionanti a 1,9 GHz, con Gpu integrata Geforce a 72 core. È uno dei processori più potenti in ambito tablet; insieme ai 2 Gbyte di Ram ha mostrato prestazioni molto elevate anche con la grafica 3D. Oltre che per lavorare, il TF701T è un’ottima macchina per i giochi; a tale scopo si apprezza anche la buona qualità degli speaker, decisamente superiore alla media. Il calore prodotto non è mai fastidioso,anche dopo lunghe sessioni di gioco. Il telaio in alluminio è molto robusto, altrettanto si può dire della tastiera/dock e del suo sistema di aggancio rapido, solido e dal funzionamento netto. Per agganciarla, anche a tablet acceso, basta fare pressione nell’alloggiamento; per toglierla si agisce su un pulsante. La tastiera integra una batteria aggiuntiva da 16 watt-ora che secondo le nostre prove aggiunge tre ore circa di autonomia in più. Sul lato si trova una porta Usb 3.0 full size, utile per un mouse, chiavette Usb, dischi e quant’altro, che possono giovare dell’alta velocità di trasferimento dati. C’è anche uno slot in formato Sd, che si aggiunge al micro Sd presente sul tablet. Per il collegamento in rete è disponibile un’interfaccia Wi-Fi in standard 802.11abgn compatibile con il protocollo Miracast, che permette il collegamento con un display esterno in modalità wireless. Presente anche un’interfaccia Bluetooth 3.0 (perché non 4.0?) ma manca del tutto un modulo 3G /4G per la connettività via rete cellulare. Su un tablet top di gamma come questo ci sembra una mancanza importante. La fotocamera principale ha un sensore Bsi da 5 Mpixel e lenti a 5 elementi con apertura F/2.4. La qualità degli scatti è nella media, funziona bene in condizioni di luce ottime ma la resa tende a peggiorare quando si fa buio. I video vengono acquisiti a risoluzione 1080p con fluidità sufficiente. Sulla parte frontale c’è una seconda fotocamera da 1,2 Mpixel utile per le videochiamate. La batteria integrata nel telaio è in grado di funzionare per 7 ore circa, utilizzando applicativi da ufficio e il browser Web, con rete Wi-Fi sempre accesa. Tale valore cresce fino a 10 ore se si utilizza anche la tastiera/dock e la sua batteria integrata. Si tratta di un buon valore nel complesso, anche se ci saremmo aspettati ancora qualcosa in più. Asus fornisce una dotazione software completissima e un’interfaccia leggermente personalizzata. Abbiamo apprezzato in particolare il pannello di controllo a scomparsa, che permette di agire su un gran numero di parametri di configurazione hardware. Interessante anche la possibilità di tarare a piacimento la temperatura colore dello schermo, rendendola più calda o più fredda secondo i propri gusti (a discapito però della fedeltà). Dalla barra in basso con i tre pulsanti è possibile attivare un elenco di applicazioni rapide, configurabile a piacimento. Tra il software commerciale, spicca la suite Polaris Office, utile per creare o modificare documenti in formato Microsoft Office. CARATTERISTICHE TECNICHE Display: 10,1” Ips, 2.560 x 1.600 Connettività: Wi-Fi 802.11abgn, Bluetooth 3.0, Cpu: Nvidia Tegra 4 T40X quad core 1,9 GHz Micro Hdmi, Micro Usb 2.0 + Usb 3.0 (sulla tastiera) Ram (Gbyte): 2 Sensori: Accelerometro, giroscopio, luminosità, magnetometro Storage (Gbyte): 32 Gps: Sì Slot di espansione: Micro Sd+ Sd (sulla tastiera) Batteria (watt-ora): 31 + 16 (sulla tastiera) Fotocamera: 5 Mpixel Dimensioni (mm): 263 x 180,8 x 8,9 Fotocamera secondaria: 1,2 Mpixel Peso (g): 585 (tastiera 570 g) Apparato radio: assente Sistema operativo: Android 4.2