Assicurazioni furto: le varie tipologie

La tradizionale assicurazione per responsabilità civile non copre i danni provocati al veicolo da avvenimento come il furto e l’incendio. Per ricevere copertura assicurativa in queste situazioni bisogna sotto scrivere un’assicurazione furto e/o incendio.

Le assicurazioni furto sono sottoscritte da coloro che hanno intenzione di voler fornire copertura assicurativa alla propria abitazione o autovettura, dal rischio di furto. E’ bene però fare una distinzione tra le due tipologie di assicurazione.

12030814_1008324735872535_2100164714_n

Per la foto si ringrazia: www.gdoweb.it

Tipologie di assicurazioni furto

L’assicurazione Furto Casa, viene sottoscritta da coloro che vogliono assicurare la propria abitazione da furto, rapina e da eventuali altre azioni che possano determinare la sparizione di oggetti e beni dall’abitazione del soggetto assicurato. Tale forma di assicurazione però non viene sottoscritta con riferimento all’intera abitazione dell’assicurato, ma soltanto con riferimento al valore di quegli oggetti che si ritengono più a rischio.

Nelle assicurazioni furto è possibile fare delle distinzioni, a seconda che si prenda in considerazione un numero limitato di beni, quali mobilio oggetti, arredo e valori, in altri casi invece, si prendono in considerazione tutti i complementi d’arredo dell’abitazione.

Con riferimento al premio assicurativo, esso varia a seconda dal valore e del tipo di oggetti che si vogliono assicurare, nonché poi da altri due fattori, cioè se l’abitazione è una villa isolata o un appartamento in un condominio, e poi se la residenza è in città o in campagna.

L’Assicurazione Furto Auto, è generalmente collegata alla polizza incendio, ed essa prevede che il proprietario venga risarcito nel caso il veicolo assicurato sia rubato, sia totalmente che parzialmente.

Le assicurazioni Furto Auto coprono i danni che derivano non solo dal vero e proprio furto, ma anche dal tentativo di scasso e furto non riuscito, fino alla totale distruzione del veicolo. La polizza furto tutela anche le singole parti dell’auto, ma non il furto degli oggetti che sono nel veicolo, nemmeno il loro furto specifico, cioè il furto dell’oggetto senza però il furto dell’auto che lo conteneva.

Per quando riguarda sia il premio assicurativo che l’indennizzo, che l’assicuratore è tenuto a pagare all’assicurato nel caso il veicolo venga rubato, vengono calcolati nel loro ammontare sulla base del valore di mercato del veicolo nel momento nel quale viene sottoscritta la polizza assicurativa. Per cui, ovviamente, questo valore è soggetto a rinegoziazione anno per anno, ad ogni rinnovo dell’assicurazione furto, e non è destinato che a diminuire.

Con riferimento al risarcimento, se l’auto è stata rubata o distrutta, l’assicuratore è tenuto a pagare l’intero valore commerciale del mezzo al momento del verificarsi del furto. Se invece il veicolo è stato solo danneggiato, le assicurazioni furto prevedono il rimborso delle sole parti danneggiate o sottratte.

Cosa fare in caso di furto

Nel caso la vostra auto vi venga sottratta la prima operazione da svolgere e rivolgersi ai carabinieri o alla polizia e sporgere denuncia. Nell’ipotesi che venga sottratto anche il libretto di circolazione va indicato palesemente nella denuncia, e va ugualmente fatto per quanto riguarda il certificato di proprietà. Ciò è importante da fare perché per procedere al risarcimento v’è la necessità di consegnare questi documenti all’assicurazione o dare prova che questi siano stati sottratti unitamente al veicolo.

Qualora l’autovettura venga ritrovata, bisogna darne comunicazione alla compagnia assicurativa mediante l’invio del verbale di ritrovamento.

Qualora, invece, la vettura non venga ritrova, le assicurazioni furto prevedono che l’indennizzo per il risarcimento sia corrisposto entro 30 giorni dalla segnalazione.

L’assicurazione furto deve essere pagata all’agenzia assicurativa fino alla regolare scadenza della polizza, mentre con riferimento alle assicurazioni per responsabilità civile è possibile richiedere il rimborso per la parte non ancora goduta.