Antonella Clerici: Mangia 5 volte e perde 5 chili

http://awwadco.com/?p=professional-writing-for-nurses By on 2 settembre 2013
Cattura

dissertation guerre froide terminale es Queste foto lo dimostrano: Antonella Clerici è tornata dalle vacanze riposata e rigenerata, pronta a riprendere il timone di La Prova del Cuoco che inizierà il 9 settembre su Raiuno. Ma soprattutto è tornata “in formissima”. In parte merito delle vacanze serene trascorse con la piccola Maelle e la sorella Cristina, anche se accanto a loro non c era Eddy Martens, il papà della bambina, con cui è rimasta comunque in buoni rapporti. Ma il vero segreto della ritrovata linea di Antonella è un innovativo stile alimentare studiato da Evelina Flachi, dietologa, specialista in scienza dell’alimentazione, che da otto anni cura una rubrica settimanale nel programma della Clerici. «Avete visto come è in forma Antonella? Ha perso 5 chili in poco più di un mese con i miei consigli alimentari che prevedono cinque pasti al giorno», spiega Evelina Flachi che ha riunito i suoi segreti alimentari in La dieta Flachi (Rizzoli, 17,50 €). Certo che, per una persona come la bionda conduttrice sempre alla prese con chef e golosità, non è semplice rinunciare alla delizie della tavola. «Ma con questo stile alimentare (ad Antonella non piace la parola dieta) non si rinuncia a nulla. Si mangia un po’ di tutto , ma con i dovuti accorgimenti. Il pasto inizia sempre con un bicchiere d’acqua o una tisana o un brodo vegetale. Poi ci sono le verdure fresche o grigliate: non devono mai mancare a pranzo o a cena. Il pesce due volte la settimana, alla griglia o bollito. Se, come Antonella, non lo amate, potete sostituirlo con una ricca insalata con il tonno. Durante la settimana prevedete almeno un paio di volte la carne bianca, come il pollo arrosto, che la nostra amica Antonella adora». E la pasta? «Certo, c’è anche la pasta: una porzione di circa 70 grammi, meglio se integrale, che contiene fibre utili per l’organismo, condita in modo semplice, per esempio al pomodoro oppure alle verdure. E infine, la grande sorpresa: una volta la settimana si mangia la pizza». La pizza, che meraviglia! È l’unica dieta che la prevede… Ma come deve essere? «Di formato tradizionale, bassa di quelle che mangiamo in pizzeria. Ma niente pizze complicate, meglio scegliere l’ortolana, con una generosa dose di verdure grigliate. È consentita, in alternativa, una classica margherita, ma anche in questo caso è bene abbinare delle verdure. Così si può andare fuori a cena senza problemi», prosegue la dottoressa Flachi, vice presidente della Fondazione per l’educazione alimentare. «Seguendo questo stile alimentare, una volta la settimana è previsto un pasto libero. Che può essere il pranzo della domenica o una cena con gli amici. Ovvio che non si deve esagerare come se foste a un “banchetto nuziale”! È permesso un piatto, anche ben condito, della nostra tradizione gastronomica che soddisfi palato e occhi. Antonella, per esempio, adora la cotoletta». In questo modo, con la “dieta Flachi” la Clerici ha imparato a mantenersi in linea senza privarsi né di carboidrati né di cioccolato, che per Evelina sono indispensabili. «Soprattutto per le donne che, più degli uomini, hanno momenti di alti e bassi dovuti a stress, variazioni ormonali e così via. 1 carboidrati aiutano proprio a controllare le tensioni, mentre il cioccolato fondente ha sostanze che “favoriscono” il buonumore. Un pezzetto di cioccolato, non una tavoletta, nei momenti “difficili” è permesso». E l’attività fisica? «Fondamentale. Nonostante la sua vita impegnata, Antonella è bravissima e determinata. Appena alzata corre per 4 0 minuti sul tapis roulant e poi si dedica a vari esercizi aerobici tonificanti. L’attività fisica è importante non solo per bruciare i grassi, ma anche perché favorisce la formazione della serotonina che è l’ormone del buonumore». Insomma, Antonella ha imparato a “giocare” con gli alimenti e lo sport e questo la mantiene in salute e serena. E se ha qualche dubbio? «Allora mi chiama», conclude Evelina Flachi.

http://www.nahug.com/homework-help-on-history/