Antonella Clerici e Eddy Martens: Con lui non sarà più una «geisha»

antonella_clerici_eddy_martens_antonella_clerici_ansa

Sono tornata con quel gran gnoccolone del mio Eddy!»: è una dichiarazione in puro Clerici style. Sempre spiritosa, la neo cinquantenne Antonella, che a Domenica in ha definito il compagno Eddy Martens con un termine di solito appannaggio dei maschietti. Non è solo Taitanza di Martens, però, il motivo che Fha spinta a tornare con lui dopo una crisi: «Io sono per il recupero, sono sempre per difendere la famiglia, è molto facile oggi cambiare. Il vero senso delle cose per me è restare, recuperare quello a cui tieni», ha detto, infatti, la conduttrice. «Un Paese bigotto e maschilista» I due che si sono conosciuti e innamorati nel 2008, diventati genitori di Maelle il 21 febbraio 2009, la scorsa estate hanno vissuto una profonda crisi, ma ora hanno ripreso a frequentarsi* Eddy è più giovane di lei di 12 anni, fatto che, però, per Antonella non ha mai costituito un problema: «Questo è un Paese bigotto e maschilista: il babbione che sta con la ventenne è normale. AlPinizio mi guardavano molto male, un ragazzo meticcio conosciuto in un villaggio vacanze… Il pregiudizio è venuto soprattutto dai ceti elevati. Molto più bonaria la gente comune, che sce: ha una bella storia d’ amore, hanno anche una bambina, sono contenti , poi finirà, chi se ne frega. Io avevo un marito che aveva 17 anni più di me, è finita comunque». La filosofia di vita della Clerici è quella di una donna che ha alle spalle due matrimoni: il primo, giovanile, con il cestista Pino Motta, il secondo con il discografi co Sergio Cossa, di cui era innamoratissima, ma che, almeno così si mormora, la “trattò” in modo discutibile. Sempre un po’ «geisha» con gli uomini, come molte donne di successo che a casa, chissà perché, pensano di doversi far “perdonare” uno stipendio più elevato. «Ho imparato che non bisogna annullarsi, perché non si ottiene amore, ma la disistima di se stessi e dell’altro. Per esempio: quando cucinavo una bistecca, il pezzo più bello era sempre per Eddy; adesso, ogni tanto, lo tengo per me», ha dichiarato, e non a caso, Antonella.

«Faccio un lavoro eccezionale e… La presentatrice è amatissima per la serenità e la “normalità” che comunica. È rimasta autentica, non facendo ricorso a diete massacranti o a ritocchini: «Credo che questo sia in parte il segreto del mio successo. Sono una donna normale che fa un lavoro eccezionale. In un mondo in cui ci sono tante ragazze belle e tutte uguali, la vera diversità è essere se stesse. Preferisco essere una bella donna della mia età che cadere nel ridicolo ». Il successo in tv è frutto proprio di questo segreto e il “suo” Festival di Sanremo, del 2010, resta ancor oggi di riferimento. Memorabile la sua intervista alla regina di Giordania Rania: a suo agio e disinvolta, Antonella riuscì persino a strapparle la ricetta dei biscotti al cioccolato. E con la stessa scioltezza, si vestì da Madonna per ballare sulle note del deejay di culto Bob Sinclar. Riuscì, insomma, a trovare la vera chiave del successo: far identificare tutti in lei, senza suscitare rinvidia delle donne e piacendo ai maschietti, cosa che non guasta mai. Quando qualcuno le ha fatto notare che il suo compagno Eddy potrebbe innamorarsi di una più giovane, ha ribattuto: «Certo, potrebbe capitare. Ma anch’io potrei incontrare un altro!». A dire il vero fu Eddy ad essere fotografato con un’altra, la modella Stefania Sorrentino. Acqua passata. Antonella ora è intenzionata a tenersi stretto il suo «gnoccolone ». E se prima, ogni tanto, gli concedeva persino qualche viaggetto da solo nella sua città, Bruxelles, adesso gli spostamenti sono sempre di coppia (proprio di recente i due sono stati visti partire per la capitale belga), quasi a mostrare nuovi equilibri contrattati dai due. Quel che è certo, è che, mai come adesso, appaiono tanto attuali le parole scritte dalla Clerici nel suo libro Aspettando te, del 2010: «Devi fare una scelta, Eddy. Se il tuo obiettivo è sentirti svincolato da qualsiasi legame, quella è la porta. Potrai vedere la bambina quando vorrai, ma non possiamo più stare insieme». Martens deve aver capito che non si trova facilmente una donna passionale e intelligente come Antonella e non ha preso la via della porta. E chissà che non la convinca a dire di nuovo sì. «Sposarmi non mi porta fortuna…», aveva detto la Clerici anni fa. Affermazione che, però, non le impediva di ribadire il suo amore per Eddy. «Fra alti e bassi, per differenza di cultura, di età e mentalità, il nostro rapporto è più difficoltoso di altri. Però il nostro è un grande amore. E se siamo ancora qui, un sentimento c’è», spiegava proprio lei. L’immagine di Maelle che porta le fedi ai genitori non è così improbabile. Anzi…