Anticipazioni CentoVetrine: Qualcuno vuole uccidere Viola e Brando

centovetrine

Barbara Clara, la star dello sceneggiato, rivela sviluppi clamorosi. A cominciare dal tentato omicidio dei due protagonisti. Che è solo il primo dei tanti colpi di scena della nuova serie, in Tv dal 27 agosto.

Pronti a forti emozioni? Dal 27 agosto CentoVetrine torna su Canale 5 con un doppio, inedito appuntamento: gli ultimi episodi della tredicesima stagione e, a seguire, l’avvio della serie numero 14. Tra attentati e uscite di scena a sorpresa, partenze e addii, e addirittura un avvelenamento, si riparte con un mare di novità. É, tra i momenti più emozionanti previsti all’inizio di settembre, c’è senz’altro quello, clamoroso, dell’incendio che divampa a Serralunga, la tenuta vinicola di Brando Salani, il personaggio interpretato da Aron Marzetti. Il disastro succederà mentre lui e la moglie Viola, con la quale sembra essere tornato ormai il sereno, si trovano proprio all’interno della casa. Un incendio che ben presto si rivelerà doloso, cioè appiccato di proposito da qualcuno, e che metterà in pericolo la vita dei due amati protagonisti della soap. Per loro questo inferno rappresenta l’epilogo di un anno tragico, durante il quale hanno dovuto affrontare parecchie avversità, alcune davvero pesanti: dopo aver subito una rapina a bordo di una barca in piena tempesta, lei ha fatto naufragio, finendo su un’isola deserta. Tutti pensavano che fosse morta, mentre lui, rientrato da solo a Torino, aveva intrecciato una relazione con Serena (Sara Zanier), rimasta poi incinta. «La situazione in cui versa Viola non è affatto semplice. E questo succede per tantissime ragioni», spiega a Nuovo la sua interprete, Barbara Clara. «Lei ha un temperamento molto forte e sanguigno. Eppure, questa situazione la rende anche disperatamente vulnerabile, al punto che commette una serie di gravi errori. Come quello di cercare a tutti i costi di avere un figlio da Brando, in modo da tenerlo legato a sé e da non sentirsi “inferiore” rispetto alla rivale». L’ex modella, venezuelana d’origine, ha però le idee chiare in merito a quello che farebbe lei se mai si dovesse trovare a vivere, nella realtà, una situazione simile a quella del personaggio: «Sfido chiunque a gestire circostanze simili! Però devo essere sincera: io al suo posto non avrei accettato nulla di tutto ciò. Anzi, avrei sicuramente lasciato il mio compagno». Tradimento e triangolo a parte, gli autori di CentoVetrine hanno in serbo nuovi sviluppi per la coppia. Questo incendio potrebbe rimescolare le carte ancora una volta e dare una nuova direzione alle esistenze di Brando e Viola; e non soltanto alle loro vite. Barbara, puoi rivelarci che cosa accadrà a Viola e Brando? Si salveranno? «Non posso anticipare troppo la trama, però posso assicurare che questo tragico evento avrà conseguenze molto gravi per il loro futuro». Quando avete girato queste importanti scene? «Nell’agosto scorso, periodo in cui abbiamo concluso le riprese senza sapere se la soap avrebbe avuto un nuovo ciclo, che poi, per fortuna, è arrivato. Saranno momenti molto forti e drammatici, che piaceranno di sicuro al nostro pubblico. Personalmente, ho trovato divertente prepararmi per queste scene, soprattutto quando abbiamo dovuto sporcarci con carboni e cenere. A parte ciò, questa storia mi piace molto: per me è stata una sfida riuscire a provare certe emozioni e vivere simili situazioni, che sono molto complicate a livello emotivo». «Per fortuna ho vinto (¡nella s fid i» Come ricordi il debutto nella soap nel 2010? È stata la tua prima esperienza televisiva. «Mi ero presentata già una volta per ottenere la parte di una dottoressa, tuttavia non ero stata presa. Due anni dopo, la produzione cercava un’attrice che interpretasse Viola Castelli e, rivedendo i provini passati, hanno pensato di richiamarmi». Tu come hai reagito a quell’inattesa richiesta? «Ero in Spagna, e sono stata molto indecisa. Poi però ho seguito il consiglio di molti e mi sono presentata all’audizione. A essere sincera avevo avuto poco tempo per studiare la parte e il provino è stato vergognoso! Daniele Carnacina, la persona che mi ha esaminata, ha però deciso di darmi qualche mese di tempo, e di fiducia, per dimostrargli che potevo essere Viola. Ho vinto quella sfida e sono ancora qui». CentoVetrìne a parte, hai altri sogni custoditi nel cassetto? «Sì! Ma proprio perché sono sogni, e molto grandi, preferisco liberarli dal cassetto solo quando si potranno realizzare!».