Alex Belli: Gira scene bollenti con la moglie

follow site By on 9 agosto 2013
Alex Belli

click here Sono sposati da appena sei mesi, ma il loro amore dura da sei anni. Sei anni di passione, intimità, di un legame che ancora oggi continua a crescere e a rimanere vivo. Il segreto di una delle coppie più belle dello spettacolo, Alex Belli (diventato famoso al grande pubblico nei panni di Jacopo Castelli di CentoVetrine) e la modella Katarina Raniakova? Impegno reciproco verso l’ideale della famiglia e soprattutto l’affinità sessuale «senza la quale, inutile fare finta di niente, nessuna coppia potrebbe durare a lungo», sottolinea l’attore. Perché, in barba alle teorie scientifiche secondo le quali il matrimonio o la convivenza dopo pochissimi anni ucciderebbero la passione, Belli e la sua stupenda moglie rappresentano l’esatto opposto. «Nulla è eterno, nemmeno il “sì”» Lo dimostrano anche questi nostri scatti che ritraggono l’attore e la mogliettina in vacanza in Costa Smeralda e testimoniano una lunga sequenza di effusioni hot in barca. «Il sesso deve essere divertimento, un modo piacevole di condividere con la persona che si ama la propria quotidianità che altrimenti diverrebbe di una noia mortale», continua Alex, «fortunatamente non ci troviamo in una società in cui i rapporti devono essere consumati solo per procreare, altrimenti sì che si vivrebbe male (ride, ndr). Ma, aggiungo, se tutti facessero sesso più spesso il mondo sarebbe più divertente». Dunque, dopo sei anni insieme tu e Katarina vi sentite come al primo giorno… «Certo, anzi: la nostra affinità continua a crescere. Per noi è fondamentale e, impegni permettendo, facciamo l’amore tutti i giorni. 10 credo che il calo del desiderio sia semplicemente il sintomo che qualcosa nella coppia non va. Se mi dovesse capitare inizierei a preoccuparmi, ma fortunatamente per ora non è il nostro caso. 11 ruolo del sesso è fondamentale, non esistono coppie che possano farne a meno. Se accade che ci si tira indietro significa che quella è una coppia finita. Inoltre è l’unico modo per tenersi una donna. Se un uomo la trascura, la donna se ne va. Potrei fare mille esempi». Perché hai deciso di sposarti? «Una volta pensavo di non avere bisogno del matrimonio, poi mi sono reso conto che sentivo l’esigenza di formalizzare il mio rapporto con Katarina, di regolarizzare anche in maniera “burocratica” la nostra storia. E giusto prendersi delle responsabilità anche se mi rendo conto che nulla è eterno, neppure il matrimonio potrebbe esserlo». Volete dei bambini? «Certo. Magari non adesso, siamo troppo presi dagli impegni: io vorrò seguire i miei bambini. Provengo da una famiglia patriarcale, siamo quattro fratelli e siamo cresciuti in una grande casa con animali e nonni. A me, a dire il vero, ne basterebbero due di bambini. Magari un maschio e una femmina. Io sogno la classica famiglia “Mulino bianco”». Tu e Katarina siete molto gelosi? «La gelosia prescinde dall’aspetto estetico, esiste e basta. Per quanto ci riguarda non siamo troppo gelosi, siamo consapevoli che con il lavoro che facciamo le occasioni non mancano, ma anche che ci si può fidare l’uno dell’altro. Poi se vedo che qualcuno corteggia troppo Katarina, beh, un po’ geloso lo divento. Ma credo che sia normale». («La monogamia è una forzatura» Tu credi nella monogamia? «La monogamia è una forzatura per l’uomo, e io, ovviamente, avendo scelto di sposarmi, mi sforzo di essere monogamo, anche perché la nostra società funziona così da sempre e non potrebbe essere altrimenti. L’uomo e la donna sono comunque portati a guardarsi in giro, ma noi non saremmo in grado di vivere la famiglia o i rapporti matrimoniali in un’altra maniera. In ogni caso io sono felice della scelta che ho fatto». Come prosegue sul set di CentoVetrinel «Siamo in pausa estiva, torneremo al lavoro a fine agosto e l’entusiasmo non mi manca».

write my paper money