Alessandro Pess: Ha fatto bene a dire addio a Uomini e Donne

843071_494105373969598_1065268726_o

Le temperature non sono certo delle più miti in questi giorni di pieno inverno. Eppure c’è chi riesce a percepire un’atmosfera bollente, grazie all’amore e alla passione. Come Alessandro Pess e la fidanzata Rossella Zingaretti, pizzicati in esclusiva da Nuovo per le vie della Capitale: baci infuocati e tenere passeggiate mano nella mano, con un sorriso a 32 denti. Il più dolce dei sentimenti sembra davvero aver avuto la meglio sull’attore che, incurante del freddo, sfoggia con nonchalance una maglietta a maniche corte. I veri guerrieri, in fondo, non temono nulla. E lui, per riconquistare il cuore della sua dolce metà, si è davvero giocato il tutto per tutto. A cominciare dall’addio al trono di Uomini e donne nella passata stagione, quando a dicembre 2012 era stato chiamato da Maria De Filippi per sostituire Diego Ciaramella, deciso a lasciare il trono blu per vivere la storia d’amore con la donna di cui si era perdutamente innamorato al di fuori del programma. Eppure, accanto ai tronisti Eugenio Colombo e Andrea Offredi, Alessandro è sembrato da subito un pesce fuor d’acqua, suscitando accese polemiche per il suo comportamento scontroso e i modi di fare piuttosto bruschi e diretti. A poco è valso l’intervento del fratello che ha tentato di spiegare i motivi del suo atteggiamento, la sua storia e le esperienze che hanno portato Alessandro a essere così duro e determinato. Poi, il colpo di scena: dopo circa un mese e dopo un’accesa discussione con Karina Cascella, nel backstage l’attore si lascia andare a un pianto liberatorio, dicendo che non riesce a vivere questa esperienza per colpa di «ricordi che non sono superati». Fantasmi del passato, ovvero la certezza di voler fare un passo indietro e riconquistare la sua Rossella, una ragazza estranea al mondo dello spettacolo. «Esperienze di vita ne ho avute, avevo in mente lei, l’amore vince sempre», ha spiega to Pess. «Ci eravamo lasciati per via del carattere, perché lei è pessimista e io sono un casinista. Io sono una persona che cerca sempre di mettersi in gioco, ecco perché ero andato a Uomini e donne». Un’esperienza che, nel bene e nel male, gli ha fatto capire la direzione verso la quale il cuore lo stava portando. «Finita la trasmissione ho avuto tutta la redazione del programma con me. Anche con il loro aiuto ho chiamato Rossella, di notte. Siamo stati cinque ore al telefono…», ha raccontato il volto di Distretto di polizia 11. Un gesto che ha dato i suoi frutti, come ha spiegato la diretta interessata: «Alessandro mi ha detto che si sentiva un cretino, l’amore c’era, non era mai finito. Per me è stata una gioia, inutile negarlo. Speravo che mi chiamasse». L’amore, quindi, ha trionfato. E, oggi, l’ex ironista appare sempre più soddisfatto delle sue scelte, almeno a giudicare dall’innegabile feeling che lo lega alla fidanzata e ai progetti che i due sperano di realizzare al più presto, magari nel corso del nuovo anno. Il sogno della coppia? Mettere al più presto in cantiere un bel pargoletto. Per diventare genitori, Rossella e Alessandro hanno rivelato di fare l’amore tre volte al giorno. «A volte penso che sul modo in cui stiamo provando ad avere un figlio, sui ritmi, sui consigli che ci hanno dato i medici, sulle regole a cui ci stiamo attenendo, potremmo scrivere un manuale», ha raccontato Alessandro. Che può contare sul pieno appoggio della compagna per raggiungere il desiderato scopo, determinata quanto lui a dare il benvenuto alla cicogna quanto prima. La coppia ama la Nutella e anche il gelato. Mangiare insieme li aiuta a far salire la temperatura. Rossella poi aggiunge un ingrediente speciale: la fantasia. Da Alessandro non si fa mai vedere in tuta e ciabatte: molto meglio i completini intimi, che stuzzicano il desiderio. Non c’è da meravigliarsi che i due non facciano una piega di fronte alle rigide temperature dell’inverno. L’amore li riscalda, la voglia di famiglia accende i loro cuori. Sperando che, per il prossimo Natale, a festeggiare possano essere in tre.