Albano e Romina: Cristel commossa dal ritorno sulle scene dei genitori

albano-romina-power

Il ghiaccio si è sciolto. Non ci sperava più, il pubblico. E non ci speravano più neanche i ragazzi Carrisi. Gente vi ha raccontato in anteprima assoluta il contratto segreto in forza del quale la coppia più romantica della musica italiana tornerà insieme sul palco dopo 18 anni. L’occasione è un grande concerto a Mosca, previsto per ottobre e voluto dal grande impresario Andrej Agapov, per celebrare i 70 anni di Al Bano, che non sarebbe stato lo stesso senza Romina, per 28 anni moglie, partner, musa del “leone di Cellino San Marco”. «Da anni Agapov insisteva per averli insieme, ma c’erano resistenze che parevano insormontabili da entrambe le parti », racconta Cristel, terzogenita della coppia. «Poi, qualcosa negli ultimi tempi si è sbloccato. Quando mio padre mi ha parlato a Cellino, tempo fa, si era convinto. Poi ho sentito mia madre che grazie anche al buddismo ha superato certi sentimenti negativi verso mio padre, è riuscita a guardare oltre. È un regalo soprattutto per noi figli, vederli cantare insieme sarà una grandissima emozione che richiama i suoni della mia infanzia e le immagini di loro due felici e uniti anche su un palco». In verità anche tu sarai in scena. «Sì, come tanti altri artisti che si ritroveranno a celebrare mio padre, anch’io ho deciso di duettare con lui». Un nuovo equilibrio, dunque, tra gli ex coniugi Carrisi, che si separarono nel ’99. «E, ti assicuro, il cachet della serata non c’entra. Lo hanno fatto con l’anima, è servito tempo e buon senso». Per Cristel la conferma che qualcosa è cambiato è arrivata vedendo sua madre a Cellino dopo tanti anni. «L’occasione è stata una cena con 4 0 persone. E, anche se mamma ora vive a Los Angeles, per lei una parte di felicità è rimasta nella tenuta do ve ha vissuto per tanto tempo». E l’emozione è paragonabile a quella di vedere una regina in esilio che torna nelle sue terre «Di Cellino mia madre conosce ogni pietra, è stato commovente vederla in giardino, accarezzare gli alberi e sussurrare: “Questi li ho piantati io”». Suoni e gesti che Cristel non assaporava da quando aveva 13 anni. «I miei si sono separati mentre stavo entrando nell’adolescenza, è stata molto dura. Ricordo di aver richiesto anche il supporto di uno psicologo, ma ero combattuta: l’idea di sedermi su un lettino e raccontare gli affari miei mi bloccava. E non ci sono andata. Ho una sensibilità particolare e un’indole solitaria. Anche per questo, poi, ho deciso di studiare in collegio in Svizzera. Dovevo guardarmi dentro. Oggi sono una ragazza felice». Felicità, appunto. Anche nella vita privata di Al Bano, che ha manifestato l’intenzione di sposare Loredana Lecciso dopo 13 anni di alti e bassi, due figli, separazioni e caotiche convivenze. Cristel non ha ancora letto la notizia uscita sui giornali, le è stata riferita, è confusa. «Mi sembra francamente molto strano. Se mio padre avesse anche solo pensato di prendere in considerazione una decisione del genere avrebbe prima avvertito noi figli. Come è successo quando ha concretizzato il progetto di tornare a cantare con mia madre, tempo prima che Gente desse la notizia. Ho sentito mia sorella Romina Jr e anche lei è sbigottita. Loredana non è la donna giusta per mio padre perché sono molti anni che non lo vedo felice con lei. Poi, se mi chiedi la sua reazione alla notizia della reunion canora tra i miei non so risponderti. Non so davvero che persona sia Loredana, non abbiamo rapporti. Non le parlo, non le chiedo opinioni, non conosco la sua visione del mondo. Di lei ho solo dei ricordi all’inizio della storia con mio padre, quando si sforzava di conoscerci. A un certo punto ricordo di aver detto: basta. Ho realizzato di non volere quella persona nella mia vita e così è stato. Ma questa decisione era anche sua. Discorso diverso per i miei fratelli Bido e Jasmine [nati dalla relazione tra Al Bano e la Lecciso, ndr], che sono parte della mia vita e adoro: saranno in prima fila a questo grande concerto familiare». Al Bano ha detto che voi figli sarete tutti al matrimonio, quando sarà celebrato. «Se devo apprendere la notizia delle sue nozze in questo modo, non ci sarò. Non vorrei che Loredana venisse al mio matrimonio, non credo che lei mi inviterà al suo, se mai si celebrerà. Per questo sento di dire: papà, non farlo. Ma non per il mio rapporto con lei. Perché non vedo amore tra loro, non li vedo come coppia». Forse perché hai sperato, o speri, in un riavvicinamento tra i tuoi genitori. «Loro sono sempre stati complementari, lui così pragmatico, lei così sognatrice. Ma non mi illudo che tornino insieme. Certo, è difficile che una storia così possa essere cestinata del tutto. L’ho imparato da mia madre: i rapporti non hanno inizio né fine. Si trasformano». E possono ricominciare. Anche da una canzone, come Felicità.