Alba Parietti ricorda la madre

alb

Per una volta, Alba Parietti lascia da parte le polemiche e i suoi toni aggressivi per mostrarsi in una veste dolce che poco si confà alle sue fattezze. Recentemente intervistata da Chi, Alba ha approfittato per lasciare una lettera a sua madre Grazia, morta ormai cinque anni fa. La sua è innanzitutto una sequela di scuse ma anche una serie di rimpianti e rimorsi. La Parietti così, si dispiace per non aver capito il valore della madre. Secondo lei, sarebbe potuta essere una grande artista ma la showgirl non aveva capito nulla.

E così scrive: “Soffrivi ma a sapere del tuo profondo disagio eravamo soltanto io e papà. Lui cercava di proteggerti dal mondo, mentre per me eri una vergogna. Volevo una madre diversa, normale, quasi banale. Una donna meno complessa e più semplice da capire. Era terrorizzante vedere che non eri la madre che avevano tutti gli altri. Così te l’ho rinfacciato gridandoti il mio odio per le nostre incomprensioni”.

Le chiede poi scusa per essere stata insensibile alle sue qualità. Le chiede scusa per quella volta in cui è stata sveglia tutta la notte per regalarle la scultura di una ballerina e che lei poi ha fatto a pezzi per rabbia, perché odiava l’avere una mamma artista. Spiega di aver odiato anche la musica sinfonica che era sempre in casa e non si rendeva conto del patrimonio ovvero della predisposizione per la bellezza, per l’arte e per la poesia che mamma Grazia le stava lasciando. La Parietti continua, sempre rivolta alla madre, rassicurandola stavolta, dicendole che è diventata una donna sicura, leale e in grado di vivere sola, proprio come lei voleva.